Putin avrebbe beni segreti da 4,5 miliardi di dollari: yacht, ville e resort. L'inchiesta

Putin avrebbe beni segreti da 4,5 miliardi di dollari: yacht, ville e resort. L'inchiesta
Sky Tg24 ESTERI

Ansa. Dai contenuti di alcune mail, si legge nel report, sembrerebbe che i vertici di queste aziende discutano tra di loro come se fossero tutti parte dello stesso giro d’affari.

L'unico commento ottenuto è stato quello di un uomo che risulta rappresentare quattro aziende LLCInvest, che ha detto di non sapere di chi sia la proprietà delle società. Il report sul sito di Occrp

Un portavoce del Cremlino ha già negato tutto, mentre Occrp fa sapere di non aver ricevuto risposta dagli oltre 100 indirizzi mail LLCInvest. (Sky Tg24 )

Se ne è parlato anche su altri giornali

Così come il resort sciistico di Igora, vicino Leningrado, dove si è sposata una figlia di Putin nel 2013. Da anni Putin è accusato di accumulare in segreto una vasta ricchezza affidata a prestanome, ma il leader del Cremlino ha sempre negato (ilmessaggero.it)

La risposta è tutta in un’indagine condotta da due realtà informatiche, un network giornalistico e un sito online d’informazione, con risultati che fanno rima con ville, barche e cifre a nove zeri. Mentre la guerra in Ucraina continua a fare morti, quindi, c’è chi cerca di risalire alla radice del problema indagando su tutto il mondo che circonda Vladimir Putin (Virgilio Notizie)

Si tratterebbe di ville, barche e jet intestati ad amici del presidente. La smentita del Cremlino (la Repubblica)

Ville, castelli e yacht: rivelato il tesoro di Putin

Secondo i giornalisti che hanno partecipato all’inchiesta si tratta un server web ospitato da una società informatica russa di nome Moskomsvyaz Questo sarebbe il vero patrimonio controllato dal presidente russo Vladimir Putin, secondo quanto risulta da un’indagine condotta da un gruppo di giornalisti investigativi. (EuropaToday)

A San Pietroburgo, ad esempio, c'è la cosiddetta "Dacia di Putin", proprietà di amico d'infanzia dello Zar ed ereditata dal figlio tramite una società chiamata North. La coperta è corta e tutti coloro che possiedono un pezzettino di quella fortuna sono direttamente riconducibili a lui. (ilGiornale.it)

Il consorzio di giornalisti Occrp: usano tutte lo stesso dominio web. Jacopo Iacoboni (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr