UE e Turchia: alla ricerca di un equilibrio ispionline.it

UE e Turchia: alla ricerca di un equilibrio ispionline.it
ISPI ESTERI

E la Turchia, complice sia la difficile situazione economica del paese sia l’insediamento della nuova amministrazione Biden a Washington, non si è lasciata sfuggire l’occasione di un riavvicinamento con l’Ue.

È l’inizio di un percorso che si vedrà col tempo dove e quanto lontano potrà portare

Non è la prima volta che in periodi di difficoltà la Turchia rivolge lo sguardo verso Bruxelles e rispolvera l’adesione all’Ue come obiettivo strategico della sua politica estera. (ISPI)

Ne parlano anche altre testate

Sulle polemiche è intervenuto anche il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, presente alla visita dei leader Ue: "Ci sono accuse ingiuste nei confronti della Turchia. In questa situazione, ci saremmo aspettati che i due ospiti si fossero accordati tra loro". (EuropaToday)

Così il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer, ai giornalisti che chiedevano dettagli sul protocollo. «C’è stato un incidente, ma l’atteggiamento della presidente von der Leyen è stato quello di continuare la riunione per fare passare il messaggio dell’UE», ha aggiunto Mamer (Corriere del Ticino)

Il protocollo è stato rispettato alla lettera e non abbiamo mai fatto mancare la nostra ospitalità, in questa come in tutte le altre occasioni. esteri. di Redazione Online/Damiano Ficoneri. (TG La7)

Basta allargare la foto e crolla la fake news del "maschilismo" contro la Von Der Leyen - Come Don Chisciotte

Durante l'incontro di due giorni fa le sedie sono state disposte secondo i desiderata espressi nella riunione che precede l'incontro" "Abbiamo subito accuse e attacchi ingiusti, la Turchia non è un Paese che riceve ospiti per la prima volta. (TG La7)

La presidente della Commissione europea non è stata trattata in modo diverso. Analizzeremo l’accaduto perché non accada più” ha replicato il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer, ai giornalisti che chiedevano dettagli sul protocollo. (L'HuffPost)

Tra l’altro, come ricorda Paolo Desogus, la polemica è utilmente servita a nascondere che paghiamo sei miliardi di euro alla Turchia per schermarci il fronte tedesco dell’immigrazione. I campi di concentramento in Libia sono il male, quelli in Turchia, evidentemente, sono ottimi. (Come Don Chisciotte)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr