Concordia: Meloni, no a sconti di pena per responsabili

Per saperne di più:
Ansa CULTURA E SPETTACOLO

Lo afferma il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni

Purtroppo non andò così e 32 persone morirono, con la nave che rimase per molto tempo in mare a testimonianza di quella triste giornata.

A distanza di 10 anni dal dramma della Costa Concordia, ricordiamo tutte le vittime e continuiamo a chiedere che non ci siano sconti di pena o 'misure alternative' per chi è stato condannato per le responsabilità nel naufragio". (Ansa)

Ne parlano anche altri media

E oggi il senatore Gregorio De Falco, all'epoca del naufragio capo della sezione operativa della Capitaneria di porto di Livorno, intervenendo ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, parla ancora delle responsabilità nella terribile sciagura. (L'Unione Sarda.it)

I resti della Costa Concordia sono stati smaltiti definitivamente il 7 luglio del 2017 per mano del gruppo specializzato Genova Industrie Navali. L'inchino e l'impatto della Costa Concordia. Costa Concordia era partita dal porto di Civitavecchia e stava viaggiando verso Savona per l'ultima tappa dell'itinerario programmato "Profumo d'agrumi" alla scoperta delle meraviglie del Mediterraneo. (Fanpage.it)

Così il sindaco di Isola del Giglio, Sergio Ortelli, parlando con i giornalisti nel giorno del decennale del naufragio della Costa Concordia. Isola del Giglio (Grosseto), 13 gennaio 2022 - "Questa sarà l'ultima celebrazione pubblica perché non vogliamo dimenticare ma vogliamo rispettare le 32 vittime". (LA NAZIONE)

La nave che non ritornò mai a Savona: 10 anni dalla tragedia della Costa Concordia

"Passano 45 minuti - ricorda De Falco - prima che venga data l'emergenza generale da me richiesta nella prima interlocuzione. Nato 55 anni fa a Castellammare di Stabia, Schettino ha da subito deciso che la sua vita sarebbe stata per mare. (AGI - Agenzia Italia)

«Mi vengono i brividi ogni volta che ci penso – racconta Marco dieci anni dopo – Il mio primo pensiero è stato quello di non separarmi da mia moglie, nella confusione e nel panico che seguì. Dieci anni dopo i ricordi sono ancora molto vividi anche se la famiglia Rosso (tranne la figlia più piccola) ha voluto subito riprendere ad andare per mare (La Nuova Provincia - Asti)

Alle 22:24, la Costa Concordia, fino ad allora sbandata sulla sinistra, aveva improvvisamente mutato il proprio sbandamento, cominciando a inclinarsi sulla dritta. La Costa Concordia infatti è stata la nave di maggior tonnellaggio nella storia ad essere stata vittima di naufragio. (SavonaNews.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr