Infermieri: "No alla sostituzione con operatori sanitari"

Infermieri: No alla sostituzione con operatori sanitari
https://www.irpiniatimes.it SALUTE

Con una lettera inviata al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, i presidenti Opi di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta e Salerno diffidano il Governatore ad intraprendere iniziative e atti volti ad affidare, anche se per brevi periodi di tempo, ad altre figure professionali attività proprie dell’infermiere.

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a nome degli ordini delle professioni infermieristiche della Campania (Avellino, Benevento, Caserta, Napoli e Salerno). (https://www.irpiniatimes.it)

Ne parlano anche altre testate

Tutte le procedure in cui gli OSS si specializzeranno sono state elencate dettagliatamente nell’allegato A della delibera regionale emanata dal Veneto Il sistema sanitario nazionale, infatti, appare estremamente indebolito dalle politiche attuate nel corso degli anni in materia di SanitàPubblica e viene sistematicamente compromesso dalla costante carenza di personale sia in ambito medico che infermieristico. (Notizie.it)

Con una lettera inviata al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, i presidenti Opi di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta e Salerno diffidano il Governatore dall'intraprendere iniziative e atti volti ad affidare, anche solo temporaneamente, ad altre figure professionali attività proprie dell'infermiere. (la Città di Salerno)

Potrebbero arrivare aumenti di stipendi per gli Infermieri pari a circa 160 euro medi mensili, 100 per OSS, Ostetriche e Professioni Sanitarie. In media gli Infermieri dovrebbero percepire circa 160 Euro lordi in più (AssoCareNews.it)

“Non sostituiamo gli infermieri con gli operatori sociosanitari”. Infermieri Campani diffidano De Luca

“La formazione degli Infermieri – aggiungono - non è neanche lontanamente assimilabile con quella svolta da un operatore socio sanitario e non si può pensare che, con un corso di 300 ore, si possano svolgere attività di pertinenza prettamente infermieristica. (AvellinoToday)

Le mansioni degli Oss veneti con formazione complementare. Gli OSS con Formazione Complementare potranno svolgere innumerevoli mansioni che finora erano riservate esclusivamente al personale infermieristico, cioè a professionisti in possesso di una laurea e di un percorso di formazione specifico. (Fanpage.it)

“Considerando che l’attività sanitaria in generale si prefigge di garantire adeguata assistenza al paziente e pur rispettando la professionalità e il ruolo che gli operatori sociosanitari svolgono nel nostro sistema sanitario, reputiamo inammissibile l’affido, anche solo in parte, delle competenze propriamente infermieristiche a personale diverso dal profilo professionale dell’infermiere”, scrivono i presidenti preoccupati di quanto sta già avvenendo in altre Regioni d’Italia. (Salernonotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr