Inflazione alle stelle mette la Fed alle strette, cambierà linguaggio a fine estate (analisti)

Inflazione alle stelle mette la Fed alle strette, cambierà linguaggio a fine estate (analisti)
Finanzaonline.com ECONOMIA

“L’ennesima grande sorpresa al rialzo per l’inflazione statunitense getta ulteriori dubbi sull’affermazione della Fed secondo cui tutto ciò è transitorio e che la politica monetaria può essere lasciata estremamente allentata per i prossimi tre anni”, commenta James Knightley, capo economista di Ing che si aspetta di sentire un cambiamento nel linguaggio della Fed alla fine dell’estate

L’inflazione sopra le aspettative a maggio mette in pericolo l’atteggiamento accomodante da parte della Federal Reserve. (Finanzaonline.com)

Ne parlano anche altre testate

L’economista teme d’altronde che l’inflazione Usa possa confermarsi superiore al 4% fino al primo trimestre del 2022, a fronte di un’inflazione core che è improbabile che scenda sotto il 3% fino al secondo trimestre dell’anno prossimo” L’inflazione non è un problema, anzi è ancora molto lontana dall’obiettivo della Bce (poco al di sotto del 2%). (Finanzaonline.com)

13.51 Comunicato BCE “Nella riunione odierna il Consiglio direttivo ha deciso di confermare l’orientamento molto accomodante della sua politica monetaria. 14.36 PEPP Gli acquisti di PEPP continueranno ad essere “significativamente più alti” rispetto a prima nel prossimo trimestre. (Money.it)

Poco prima, aveva annunciato il mantenimento dei tassi d’interesse e degli stimoli monetari ai livelli precedenti. Il dato “core”, cioè al netto delle componenti volatili come generi alimentari e prodotti energetici, è anch’esso salito. (InvestireOggi.it)

BCE, tassi invariati nella riunione del 10 giugno 2021

Questo è stato probabilmente anche il motivo per cui la Bce è rimasta in silenzio. Durante questo trimestre, i rendimenti Emu sono comunque saliti ulteriormente, ma questa volta il driver principale è stato un miglioramento delle aspettative di crescita nominale europea. (La Repubblica)

"Non c'è alcun bisogno di modificare una politica monetaria che sta funzionando", ha detto Villeroy ai microfoni di Radio Classique. Francois Villeroy de Galhau, governatore della banca centrale francese e membro Bce. (Investing.com)

Infine, la BCE resta pronta ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per assicurare che l’inflazione continui ad avvicinarsi stabilmente al livello perseguito, in linea con l'impegno alla simmetria (SoldiOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr