Copa Libertadores 2021: il Santos “vede” la fase a gironi e Angelo Gabriel entra nella storia

Copa Libertadores 2021: il Santos “vede” la fase a gironi e Angelo Gabriel entra nella storia
Più informazioni:
SuperNews SPORT

Il Santos è ad un passo dall’accesso alla fase a gironi della Copa Libertadores: la compagine brasiliana, vice-campione in carica, consegue un’importante affermazione in trasferta per 3-1 sugli argentini del San Lorenzo de Almagro nella gara d’andata del terzo turno preliminare disputata al “Nuevo Gasómetro” nel quartiere Bajo Flores di Buenos Aires.

L’esterno offensivo brasiliano del Peixe abbatte un record detenuto da quasi sessant’anni da Juan Carlos Cárdenas: l’indimenticato centravanti argentino del Racing Club de Avellaneda, (fu decisivo con un gran tiro dalla distanza nella “bella” della finale della Coppa Intercontinentale del 1967 disputata a Montevideo contro il Celtic Glasgow), in rete contro il Nacional nel 1962 all’età di 16 anni, 7 mesi e 2 giorni. (SuperNews)

Ne parlano anche altri media

La passione sopra l’interesse, un momento destinato a vivere per sempre Il Divin Codino giocò male, non resse l’emozione, soffocato dalla marcatura di Salvatori. (Viola News)

Salvatori, dopo quasi un’ora trascorsa a fare da ombra a Baggio su indicazione dell’allenatore Lazaroni, lo trattenne in area. Ma il momento più bello, quello entrato nella storia, fu quando Baggio fu sostituito e uscendo dal campo, raccolse la sciarpa viola lanciata in campo da un tifoso (Corriere Fiorentino)

Così dice Gigi Maifredi, allenatore bianconero che richiamò in panchina Baggio in quel Fiorentina-Juventus del 6 aprile 1991 passato alla storia per la sciarpa raccolta dal Divin Codino. Intervenni personalmente e riuscii a placarli chiedendo come si sarebbero sentiti se un loro fresco ex non avesse raccolto la sciarpa». (Fiorentina.it)

Quel rigore rifiutato e la sciarpa viola al collo Baggio e Firenze, dai fischi all’amore eterno

L’ex viola Diego Fuser, autore dell’1-0 contro la Juventus del 6 aprile 1991, ha parlato a Lady Radio ricordando il primo ritorno di Baggio a Firenze da ex:. Fiorentina-Juventus? La settimana prima della partita fu particolare anche per il primo ritorno di Baggio, l’arrivo della Juve era molto sentito. (Viola News)

Ripercorrendo i 95 anni di storia della Fiorentina sono diverse le diapositive che il tifoso viola conserva gelosamente nel suo scrigno dei ricordi. Quel gesto racchiude il legame di Baggio con quei colori e lo riconcilia con la città che lo ha adottato (Firenze Viola)

Finisce 1 a 0 per la Fiorentina, finisce con Roberto Baggio abbracciato dalla città intera a santificare un amore che sarà per sempre Invece che comprarsi un Klimt o un Dalì si è messo in testa di portare a Torino la tela più preziosa che il campionato di calcio espone, ovvero Roberto Baggio. (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr