Anche chi ha rifiutato il vaccino potrebbe aver diritto al risarcimento. L'istruttoria dell'Inail

Anche chi ha rifiutato il vaccino potrebbe aver diritto al risarcimento. L'istruttoria dell'Inail
la Repubblica INTERNO

Naturalmente le cose potrebbero cambiare se la legge dovesse disporre in futuro l'obbligo di vaccinazione: l'art.

Per esempio disponendo che rimanga in smart working, oppure, se si tratta di personale sanitario, affidandogli le mansioni che non lo obbligano a entrare in contatto con pazienti contagiati.

Il direttore sanitario della struttura, Salvatore Giuffrida, si è rivolto all'Inail chiedendo appunto se "devono essere considerati in malattia o dovranno essere considerati inidonei alla loro attività professionale". (la Repubblica)

Ne parlano anche altri giornali

E cioè che in questo caso il contagio non può essere considerato infortunio sul lavoro. All’ospedale San Martino quindici infermieri, che si erano rifiutati di fare il vaccino, ora sono positivi al Covid. (Corriere della Sera)

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI. Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria Scopri il prezzo lancio. L’INAIL riconosce alle casalinghe assegni da 106,02 a 1.292,90 euro al mese in questi casi. Quando è possibile ricevere la rendita diretta dell’INAIL? L’INAIL riconosce alle casalinghe assegni da 106,02 a 1.292,90 euro al mese in questi casi che ci accingiamo ad analizzare più da vicino. (Proiezioni di Borsa)

Il lavoratore che rifiuta il vaccino e si contagia non può essere considerato infortunio sul lavoro. In questo caso, il lavoratore che si contagia per Covid, non avrà nessun risarcimento in quanto non si configura l’infortunio sul lavoro. (Proiezioni di Borsa)

Sicurezza sul lavoro: bando INAIL 2021 per progetti di formazione

INAIL è pronto a esprimersi in tal senso contro il personale sanitario che rifiuta il vaccino. Nel 2020 INAIL ha riconosciuto il contagio come infortunio sul lavoro e le denunce in merito sono arrivate in maniera copiosa dal personale sanitario, e anche dagli infermieri (Money.it)

Nel 2020 è stato deciso che aver contratto l’infezione, per il personale sanitario, era da ritenersi un infortunio sul lavoro, ma non c’erano ancora i vaccini Quindi si deve valutare se la persona contagiata è da considerarsi in malattia o se si tratta di infortunio sul lavoro. (QuiFinanza)

Sicurezza sul lavoro: pubblicato il bando INAIL 2021 per gli enti che vogliono presentare progetti di formazione su salute e prevenzione in contesti lavorativi. Bando INAIL sicurezza sul lavoro: l’importo del finanziamento. (Informazione Fiscale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr