L'export di vini italiani in aumento del 14,5% nei primi sette mesi del 2021 - MilanoFinanza.it

Milano Finanza ECONOMIA

In terza posizione c'è la Toscana, che con 536 milioni vede il suo vino crescere del 17,2% oltre i confini nazionali.

Si intravedono quindi segnali positivi per una ripresa delle vendite di vini italiani all’estero per il biennio 2021-22

L’incremento maggiore si è verificato oltre i confini europei, dove gli Stati Uniti sono risultati il primo mercato di destinazione.

Stando ai dati raccolti, nei primi sette mesi del 2021 è stata registrata una robusta crescita delle esportazioni italiane di vino, con un +14,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ovvero un +10,7% nei confronti dei primi sette mesi del 2019, portando il valore complessivo a 4 miliardi di euro. (Milano Finanza)

Su altri giornali

Analisi che dimostra come la seconda potenza mondiale del vino abbia ampi margini di crescita dal punto di vista del valore aggiunto Vinitaly Special Edition è in contemporanea con Enolitech, dedicato alle tecnologie per la produzione di vino, olio e birra e con Sol&Agrifood, con le aziende dell’agroalimentare di qualità. (Nordest Economia)

Strategico anche il ruolo di ICE-Agenzia per l’incoming di 200 buyer e operatori dall’estero, provenienti da 35 Paesi a Vinitaly Special Edition. Questa Vinitaly Special Edition, per Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, si colloca «dopo 20 mesi di incubo» e, allo stesso tempo, in un momento d’oro per il vino italiano. (TgVerona)

Lo rileva, oggi nel corso della Vinitaly Special edition, uno studio del neonato Osservatorio di Unione italiana vini (Uiv) realizzato in collaborazione con Vinitaly. Tutto ciò, nonostante il posizionamento dei rossi toscani che nel segmento premium vedono l’80% delle proprie vendite contro il 78% dei vini bordolesi e il 71% degli australiani. (La Repubblica)

Gli elevati standard raggiunti permettono di avere la tracciabilità totale del caviale prodotto. Qualcuno vi ha definite le “Regine del Caviale” Made in Italy. (pesceinrete.com)

È quanto sostiene Alberto Statti presidente di Confagricoltura Calabria che così esprime soddisfazione per l’organizzazione messa in piedi dall’associazione di categoria per promuovere le produzioni vinicole italiane, con un proprio spazio nel padiglione 6 di Verona Fiere, nella special edition di Vinitaly in corso a Verona. (Il Lametino)

Note meno positive arrivano dalla Gran Bretagna dove le vendite di bottiglie Made in Italy sono stagnanti a causa delle difficoltà legate alla Brexit. Aumentano addirittura del 67% le vendite in Cina ma a trainare le bottiglie italiane oltre confine nel 2021 sono anche i consumatori europei. (AltamuraLive.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr