Chiesta la condanna per Berlusconi, mentre Occhiuto e Mangialavori gli esprimono solidarietà

Il Vibonese INTERNO

Chiesti 6 anni e 6 mesi per Luca Risso, ex fidanzato di Ruby.

Il tutto in cambio del silenzio sul “bunga-bunga”, ossia il contesto hard di Villa San Martino, nei processi Ruby e Ruby 2.

L’accusa ha inoltre chiesto 5 anni di reclusione per Karima El Mahroug, ovvero l’ormai ex ‘Ruby rubacuori’, accusata di falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari.

Prima delle richieste di condanna, i pm hanno messo sul piatto gli elementi probatori sull’accordo corruttivo stretto «già dal 2011». (Il Vibonese)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il processo. La richiesta dell'avvocatura di Stato arriva dopo quella della procura di Milano che nella giornata di ieri ha invocato sei anni di reclusione per l'ex premier e fondatore di Forza Italia. (LaC news24)

Ma Berlusconi da quasi 30 anni ha dimostrato di saper trasformare gli atti giudiziari in altrettanti mattoncini del proprio consenso politico. Del resto l'udienza dell'altro giorno era la numero 3.656 (secondo lo stesso Berlusconi) di quelle che hanno visto imputato il leader di Forza Italia (ilmessaggero.it)

Così, lei che avrebbe preferito aspettare il verdetto in silenzio, ieri ha fatto diramare dal suo legale, Paola Boccardi, una nota all'Ansa. Nella prima parte della requisitoria, il 18 maggio, la pm Siciliano era stata ancora più esplicita su Ruby e sulle ragazze coinvolte nel processo. (Liberoquotidiano.it)

Nell'inchiesta sono confluite indagini e accertamenti del Gico e del nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza etnea Antonino Toscano,invece, ex cancelliere ha ricevuto una condanna ad un anno di reclusione per tentato favoreggiamento. (Trapani Oggi - Notizie di cronaca, politica, attualità Trapani)

La procura di Milano (procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e sostituto Luca Gaglio) ha chiesto la condanna a quattro anni e tre mesi di reclusione e la confisca di beni per 80mila euro per Roberta Bonasia, la nichelinese ex infermiera dell'AslTo5 (oggi residente in provincia di Verona) ed ex aspirante soubrette che, secondo l'accusa, avrebbe frequentato le serate hot di Arcore tra il 2012 e il 2013. (TorinoToday)

Quattro anni e tre mesi di reclusione e la confisca di beni per 80mila euro, è la pena richiesta dalla procura di Milano (procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e sostituto Luca Gaglio) per Roberta Bonasia, l'ex infermiera nichelinese dell'AslTo5 ed ex aspirante soubrette, oggi residente in provincia di Verona, che stando all'accusa avrebbe partecipato alle serate hot di Arcore tra il 2012 e il 2013. (VeronaSera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr