Incidente sul lavoro a Rodano, operaio muore sepolto da due metri di terra

Incidente sul lavoro a Rodano, operaio muore sepolto da due metri di terra
Per saperne di più:
Adnkronos INTERNO

Un operaio di 46 anni è morto a Rodano (Milano), travolto e sotterrato da due metri di terra e cemento mentre stava lavorando in uno scavo di un cantiere stradale.

L'incidente è avvenuto attorno alle 13.30 in via Papa Giovanni XXIII, nella frazione Millepini.

Sul posto sono intervenuti l'elisoccorso, i vigili del fuoco con Aps e il nucleo Saf, i carabinieri e i vigili urbani

(Adnkronos)

Su altre fonti

Il cantiere è del Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano. L’operaio era in servizio per conto di un’impresa affidataria per un intervento sulla rete fognaria, per cause ancora da accertare, è stato coinvolto da un cedimento del terreno, rimanendone schiacciato. (SaronnoNews.it)

Lo scavo è una trincea aperta nel centro della via Papa Giovanni, lunga circa 6-7 metri, larga meno di due e profonda altrettanto Il suo corpo è stato recuperato quasi subito grazie a una escavatrice che si trovava già nel cantiere. (Sky Tg24)

Morti bianche Ancora due morti sul lavoro, un operaio nel milanese e un poliziotto in Sardegna Un operaio lavorava in un cantiere stradale sotterraneo quando è stato travolto da due metri di terra e cemento e un poliziotto muore per un colpo di pistola partito accidentalmente durante le esercitazioni al poligono. (Rai News)

Operaio morto in un cantiere sotterraneo a Milano: la vittima è il bresciano Fabrizio Franzinelli

Sul posto sono immediatamente giunti i servizi di soccorso ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. I primi a soccorrerlo sono stati i colleghi. (Thesocialpost.it)

È successo martedì, intorno alle 13.30, in via Papa Giovanni XXIII 41, nell’area industriale di Rodano, nell’hinterland est di Milano. L’uomo, Fabrizio Franzinelli, 46enne originario di Breno e residente a Malonno, nel Bresciano, è deceduto, sepolto sotto il cumulo di terra. (Corriere Milano)

L’uomo stava lavorando alla rete fognaria del Gruppo Cap, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano. Gruppo CAP esprime profondo rammarico per l’accaduto ed è vicino alla famiglia (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr