Honda e il suo futuro elettrico tagliente

Honda e il suo futuro elettrico tagliente
Motor1 Italia ECONOMIA

I loro nomi sono e:N Coupé Concept, e:N SUV Concept ed e:N GT Concept.

Sappiamo solo che utilizzeranno una nuova piattaforma condivisa, alla quale si affideranno anche altri modelli in arrivo nei prossimi anni

Si inizia con la Cina. Delle 5 auto elettriche mostrate nel teaser le prime a debuttare saranno le Honda e:NS1 ed e:NP1, 2 crossover prodotti grazie alle joint venture Dongfeng Honda e GAC Honda e il cui arrivo sul mercato cinese è previsto per la primavera del 2022. (Motor1 Italia)

Ne parlano anche altri giornali

Nel 1981, Honda acquisisce il controllo diretto dell’attività produttiva e commerciale modificando anche la ragione sociale che diventa ufficialmente Honda Italia Industriale S.p.A. Come recita lo slogan celebrativo dei 50 anni di Honda Italia: building next generation dreamers. (Motoblog)

Nel settembre del 1992 Honda Italia inizia la produzione del Vision 50 Oggi la Honda Italia conta 600 dipendenti (salgono a circa 900 nel periodo di alta stagione) ed ha una linea produttiva da cui possono uscire fino a 500 motocicli al giorno. (Il Sole 24 ORE)

Parliamo di e:N COUPE Concept, e:N SUV Concept ed e:N GT Concept Le due vetture a batteria saranno prodotte da due joint venture differenti: Dongfeng Honda e GAC Honda. (HDmotori)

Nella gamma Honda manca una vera hypernaked

C’è poi il capitolo legato alle batterie: Honda è pronta infatti a rafforzare la propria partnership strategica con CATL, il più grande produttore mondiale. Secondo molti analisti, rafforzare la propria presenza in Cina può rivelarsi una mossa vincente per Honda. (FormulaPassion.it)

Nel 1985 invece iniziarono le esportazioni nei mercati europei, a cui fecero seguito quelle verso la madrepatria giapponese con il modello NS125. Al termine della cerimonia celebrativa, il presidente Okuda ha firmato una versione speciale dello scooter bestseller SH125 50° Anniversary personalizzato con la livrea tricolore (La Repubblica)

La nostra opinione è che una supersportiva come la Fireblade sia già una adeguatissima interprete del concetto di sportività secondo Honda, che per sua tradizione è restia a estremizzare le moto stradali. (Motociclismo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr