Eruzione vulcano Tonga, onde anomale su Giappone, California e Hawaii

Il Fatto Quotidiano ESTERI

I pennacchi di gas, fumo e cenere che si riversano dal vulcano hanno raggiunto i 20 km nel cielo, ha affermato il Servizio geologico di Tonga

Ma dopo la potente eruzione del vulcano, catturata anche dalle immagini satellitari, è scattato l’allarme tsunami in un’ampia area del Pacifico che include il regno di Tonga, le Fiji e la Nuova Zelanda.

Parte delle isole Hawaii è già stata travolta dalle onde conseguenti all’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai vicino al regno polinesiano di Tonga. (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Allarme tsunami in tutto il Pacifico meridionale, con le prime onde che hanno già raggiunto il Giappone, la California e le Hawaii dopo l'eruzione di un vulcano sottomarino al largo dell'isola di Tonga che ha costretto i residenti a fuggire verso le montagne. (L'Unione Sarda.it)

– A seguito dell’eruzione di un vulcano sottomarino le onde di uno tsunami si sono abbattute sulle coste delle isola Tonga, Paese insulare nel cuore dell’Oceano Pacifico, distruggendo case, costruzioni e anche una chiesa. (Dire)

Dopo l'eruzione vulcanica sottomarina a Tonga. Decine di persone hanno dovuto lasciare le loro case in Giappone dopo che è stato emanato un avviso di tsunami in seguito all’eruzione vulcanica sottomarina di sabato a Tonga. (LaPresse)

Tonga: l'eruzione del vulcano sottomarino. L'eruzione del vulcano sottomarino Hunga-Tonga-Hunga-Ha'apai, vicino a Tonga, l'arcipelago composto da 170 isole del Sud Pacifico, che si trova a metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii, ha causato uno tsunami potentissimo che è giunto sia sulle coste della California che su quelle del Giappone (METEO.IT)

Così la tua area personale sarà sempre più ricca di contenuti in linea con i tuoi interessi Per avere contenuti personalizzati, dai il tuo ok alla lettura dei dati di navigazione. (Corriere TV)

Tuttavia, nel caso di Coquimbo e Los Ríos, lo stato di precauzione per lo tsunami è stato cambiato in allarme tsunami, che ha comportato l’odine di evacuazione in aree sicure. “ONEMI e SHOA mantengono il monitoraggio a causa di uno stato di precauzione per l’arcipelago Juan Fernández, l’Isola di Pasqua, San Félix e l’Antartide cilena“, hanno spiegato le autorità. (MeteoWeb)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr