World Pasta Day: i 12 piatti iconici italiani (con i consigli degli chef)

Vanity Fair Italia ECONOMIA

Il 25 ottobre è il giorno dei pasta lover, soprattutto chi ama i piatti della tradizione, quelli irrinunciabili e irresistibili: il World Pasta Day, in cui tutto il mondo si riunisce intorno al piatto simbolo della convivialità italiana nonché icona della Dieta Mediterranea, che continua a macinare numeri da record.

Nell'ultimo anno, quello della pandemia, abbiamo mangiato 17 milioni di tonnellate di pasta, il doppio di 10 anni fa, con l'Italia che si conferma capofila per consumo (oltre 23 chili a testa l'anno), oltre che per produzione e export. (Vanity Fair Italia)

Se ne è parlato anche su altri giornali

L’uomo si fece insegnare il procedimento, poi tornò a bordo con un piatto di pasta. LA RICETTA DEGLI AGNOLOTTI PIEMONTESI. Un altro grande classico è quello degli agnolotti piemontesi al sugo d’arrosto (Radiogold)

Lo spaghetto al pomodoro di Eataly. Da Eataly, Pizza e Cucina trovarete probabilmente lo Spaghetto al pomodoro più buono mai mangiato prima. Per la giornata mondiale dedicata alla pasta, RomaToday ha selezionato alcune delle migliori da provare a Roma. (RomaToday)

A livello nazionale ne mangiamo 2 milioni di tonnellate per un valore di oltre 3 miliardi di Euro, con un consumo annuale per persona di 28 kg. Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Ottobre 2021, 08:02 (Leggo.it)

Cia pone, invece, l’attenzione sulla valorizzazione dell’origine del prodotto e sui contratti di filiera che favoriscano le produzioni domestiche, incentivando la coltivazione del grano duro Made in Italy, per andare incontro al fabbisogno dell’industria pastaria L’aumento del costo del grano duro su scala internazionale va inserito nel contesto generalizzato del rincaro dei costi delle materie prime e del calo di produzione del Canada, primo nostro fornitore estero. (Sicilia Economia)

Risparmiamo tempo e denaro cuocendo la pasta grazie a questo stratagemma poco conosciuto che stiamo per descrivere. È perfetta per chi ha poco tempo a pranzo, per chi non vuole fare spese inutili e per chi desidera ridurre i propri consumi anche a fini ambientali. (Proiezioni di Borsa)

L’Italia resta il punto di riferimento per la produzione (3,9 milioni di tonnellate), con un export da 2,4 milioni di tonnellate. Lo rivela l’Unione italiana food che, in occasione del World Pasta Day del 25 ottobre ha diffuso i dati del 2020. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr