I sub di Genova cercano nell’Adige il corpo del padre di Benno Neumair

I sub di Genova cercano nell’Adige il corpo del padre di Benno Neumair
Corriere della Sera INTERNO

A Bolzano, sono entrati in azione i carabinieri subacquei del nucleo di Genova Voltri, considerato tra i più specializzati a livello internazionale.

Meno di decina di militari specializzati che, a bordo di due gommoni, hanno passato al setaccio l’area.

Dal ponte Si è ripartiti dal ponte, sul quale ieri c’erano due lumini accesi

Una settimana Lavoreranno per una settimana, per cercare di ritrovare il corpo dell’uomo scomparso, insieme alla moglie, il 4 gennaio. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri media

Ora dagli atti dell’inchiesta sono emersi altri elementi in grado di sostenere che Benno avrebbe messo a punto un piano di depistaggio che riguardava proprio il probabile utilizzo dei cani. Benno Neumair, dai sospetti all'arresto - La videoscheda. (Alto Adige)

Per una settimana si immergeranno alla ricerca di Peter Neumair. Sono arrivati da Genova i subacquei del Nucleo speciale dell'Arma, un'élite impegnata anche nelle ricerche di corpi dopo il disastro della Costa Concordia del gennaio 2012. (il Dolomiti)

Proprio lì i carabinieri del Ris hanno trovato tracce di sangue ritenute compatibili con quello di Peter Neumair. Il cadavere della donna è stato trovato il 6 febbraio nel letto del fiume Adige, il livello dell'acqua era stato diminuito di trenta centimetri proprio per favorire le ricerche. (IL GIORNO)

I sub palmo a palmo nell'Adige - Bolzano

Bolzano, Benno avrebbe organizzato un piano di depistaggio: l’ipotesi degli inquirenti. Benno, secondo chi indaga sul caso, avrebbe organizzato un piano per indurre in errore gli inquirenti; in particolare avrebbe provato a confondere le tracce per mettere in crisi le capacità dei cani di ricerca di fiutare indizi importanti circa il ritrovamento dei cadaveri dei genitori. (Virgilio Notizie)

All’epoca Benno Neumair era ancora un uomo libero Ricerche nell'Adige, già in azione i subacquei della “Costa Concordia”. (Alto Adige)

A immergersi, infatti, e a passare al setaccio un breve tratto di fiume, c’erano i sub del centro carabinieri sommozzatori di Genova Voltri. Di cosa si trattasse non è dato sapere, ma sono stati portati ed esaminati al comando provinciale di via Dante (Alto Adige)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr