La mossa delle imprese: "Paghiamo noi i test pur di riaprire"

ilGiornale.it ilGiornale.it (Economia)

Perciò Confapi ritiene urgente " introdurre misure di fiscalità amichevole nei confronti delle risorse investite, di garantire linee di credito facilitate per il mantenimento delle attività di investimenti già programmati ".

Se ne è parlato anche su altri media

«Siamo pronti a intervenire subito per aiutare le nostre aziende agricole che, già duramente colpite dall’emergenza Coronavirus, hanno visto le loro coltivazioni devastate da eventi atmosferici avversi, come gelate e brinate, che ci sono stati segnalati in questi giorni. (La Provincia del Sulcis Iglesiente)

Secondo la maggior parte delle PMI, “i prestiti senza interesse non risolvono i problemi poiché devono essere rimborsati”. È quanto emerge – riporta l’ATS – da un sondaggio effettuato in Svizzera che riporta anche il malcontento degli interpellati sugli aiuti da Berna (ticinolibero.ch)

Una falcidia che fa impressione e alla quale fa eco il grido di dolore di Confindustria Toscana, l’associazione delle imprese più strutturate. In testa c’è al solito la metalmeccanica (41%), seguita dal settore orafo (29%), dalla moda e dai trasporti (20% a testa). (LA NAZIONE)

Gli imprenditori rispondono secondo le modalità espresse dal Governo sottoscrivendo la prima autocertificazione in risposta alle carenze decisionali sulle moratorie bancarie, prive di concretezza e rischia di far chiudere il circa 60% delle piccole e medie imprese soprattutto nel centro e sud Italia con effetti devastanti sul Pil nazionale con danni irreparabili ed irreversibili, di questa modalità, prima nella storia italiana si fanno portavoce le tre associazioni Nazionali. (Ansa)

Il diavolo è nei dettagli: soprattutto per le piccole imprese la semplicità (e la velocità) del finanziamento è cruciale”. “Si è subito rivelato impossibile per milioni di lavoratori italiani ricevere, nei tempi annunciati dal governo, gli importi maturati per Cassa Integrazione. (NewSImpresa)

Come noto la Confederazione si sta muovendo in aiuto degli imprenditori, ma secondo il 34% degli interpellati non sta facendo abbastanza. "Anche i prestiti senza interessi per molti non risolvono il problema, perché devono essere rimborsati". (laRegione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.