Salvini: “In questo momento ci sarebbero sei Regioni in cui si potrebbe riaprire

Salvini: “In questo momento ci sarebbero sei Regioni in cui si potrebbe riaprire
Il Fatto Quotidiano INTERNO

“Il mio auspicio, la mia convinzione, la mia speranza con la s minuscola e è che si possa tornare già dalla seconda metà di aprile, nelle città tranquille, a restituire serenità e fiducia ai cittadini”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini , lasciando Palazzo Chigi dopo l’incontro con il premier Mario Draghi, definito dal segretario “molto utile e costruttivo”. Come già nelle settimane scorse, Salvini ha posto di nuovo il tema della ripresa delle attività commerciali sul tavolo del governo. (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altri media

Insomma, “così è difficile reggere” senza pagare un costo alto in termini di consenso. Se cioè siamo all’inizio di un disfacimento del tessuto sociale o alla sofferenza di alcune fasce della popolazione rispetto ad altre (L'HuffPost)

Nessuna concessione, invece, sulla “linea prudenziale” tenuta da Speranza, che Salvini ha messo – non da oggi – nel mirino: “No al rosso ideologico, non vogliamo un Paese tutto rosso Speranza”, ha ribadito nel colloquio. (L'HuffPost)

Il Carroccio chiede quindi all'esecutivo di reintrodurre la zona gialla, per dare finalmente respiro a quelle attività soffocate dalle misure restrittive, come palestre, piscine, cinema, teatri e musei. (ilGiornale.it)

Salvini zittisce Saviano: "Libia? Chi insorge sulle parole di Draghi è ignorante"

E soprattutto: ha detto a Matteo Salvini di smetterla, perché tanto non attacca. Ha detto poi il premier: “A Salvini ho detto questo: ho voluto io Speranza nel governo e ne ho molta stima”. (neXt Quotidiano)

Verrà trovata la miglior formula e penso che non ci sia nessuno che vorrà negare l’evidenza. E anche ieri ne ha dato dimostrazione: in quella che per il Carroccio è una sorta di battaglia ideologica – la battaglia contro la legge Zan sul contrasto all’omotransfobia che i leghisti tengono bloccata in Senato – Zaia va nettamente controcorrente. (LA NOTIZIA)

" Sull’immigrazione c’è soddisfazione per quel che la Libia fa nei salvataggi e nello stesso tempo aiutiamo e assistiamo la Libia ". L'Italia deve contribuire alla stabilizzazione e alla pace della #Libia, dopo la terribile guerra civile fomentata anche da potenze straniere. (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr