Wish si becca il ban dalla Francia: troppi prodotti nocivi per gli utenti

Android Italy ECONOMIA

In più, Wish non detiene un registro relativo alla vendita di prodotti non pericolosi e non conformi.

Ebbene, viste i continui mis-understanding, il Ministero dell’Economia francese ha richiesto ai motori di ricerca più diffusi e non di bannare Wish dai propri risultati.

Cosa chiede il Ministero dell’Economia francese a Wish. E’ semplice: il Ministero dell’Economia francese chiede a Wish di conformarsi alle leggi vigenti in Europa in materia di sicurezza, entro due mesi dalla ricezione dell’avviso

Wish, per chi non lo sapesse, è un sito e-commerce che vende veramente di tutto. (Android Italy)

Su altri giornali

Il motivo: la maggior parte dei prodotti non sono conformi alla legge sulla tutela dei consumatori. Se, nonostante il bando, la piattaforma non si metterà in linea alla giurisdizione francese, «vieteremo la presenza di Wish sul territorio francese» (Ticinonline)

Il Ministero dell’Economia francese ha richiesto ai motori di ricerca e agli store di applicazioni di bannare Wish dai propri risultati. In Francia ai motori di ricerca e alle piattaforme online è stato chiesto di togliere Wish dai loro elenchi a causa delle preoccupazioni sulla sicurezza dei prodotti che vende. (Computer Magazine)

Wish è una popolare piattaforma di e-commerce che vende principalmente prodotti di brand e commercianti con sede in Cina. L'agenzia francese ha quindi ordinato 140 prodotti diversi su Wish, per la maggior parte importati, per scoprire se quegli articoli erano sicuri o meno. (Corriere della Sera)

Londra, 30 nov. (LaPresse/AP) – “Insieme, Meta e Giphy migliorerebbero il prodotto Giphy per i milioni di persone, aziende, sviluppatori e partner Api nel Regno Unito e in tutto il mondo che usano Giphy ogni giorno, fornendo più scelte per tutti”. (LaPresse)

Ma anche volere, volontà. Tuttavia, sin dai primi vagiti si è posta una questione. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr