Fed, terza stretta consecutiva. Powell ribadisce messaggio hawkish di Jackson Hole

Fed, terza stretta consecutiva. Powell ribadisce messaggio hawkish di Jackson Hole
Finanza Repubblica ECONOMIA

La Federal Reserve ha aumentato il costo del denaro di 75 punti base per la terza volta consecutiva e quasi azzerato le stime di crescita del PIL USA, per quest'anno, allo 0,2% dall'1,7% precedente, rafforzando iIl, ha detto chiaramente che c'è spazio per ulteriori aumenti in vista e le strette proseguiranno fino a quando non ci saranno. Il banchiere ha dunque ribadito il messaggio hawkish di Jackson Hole: la Fed proseguirà fino a che non finirà il lavoro. (Finanza Repubblica)

Ne parlano anche altri media

La Federal Reserve ha alzato i tassi d'interesse dello 0,75%, portandoli al 3-3,25%, il livello più alto dal 2008. Per la banca centrale Usa si tratta del ciclo di inasprimento monetario più aggressivo dagli anni 80, quando era presidente Paul Volcker. (Milano Finanza)

Avviso accompagnato ieri dal quinto aumento consecutivo del costo del denaro, con una stretta dello 0,75% che lo fa salire al 3-3,25%, il livello più elevato dall'inizio del 2008. Eliminata ogni screziatura da colomba, assume una postura da falco che molto ricorda l'aggressività di Paul Volcker negli anni '80, mandando un segnale ai mercati che più chiaro non si può: nessuno taglio dei tassi verrà deciso fino al 2024. (ilGiornale.it)

(LaPresse/AP) – La Norges Bank ha aumentato il suo tasso di interesse di riferimento dello 0,25%, portandolo al 2,25%. Milano, 22 set. (LaPresse)

Usa, la Fed alza i tassi di interesse dello 0,75%

Un nuovo, aggressivo, rialzo dei tassi da 0,75 punti percentuali. L’indicazione di nuovi rialzi e, soprattutto, la previsione di una stretta decisamente più rapida e intensa di quella prospettata a giugno. (Il Sole 24 ORE)

Abbiamo delle sensazioni più che buone per le performance del 2022. L’America e l’Europa sono ripartite bene, l’unico enigma rimane l’Asia con la Cina in testa che è a rilento. (Milano Finanza)

La decisione di Francoforte di aumentare il costo del denaro per frenare l’inflazione avrà certamente un effetto sui prestiti di famiglie e imprese: a rimetterci saranno soprattutto coloro che hanno scelto di sottostare alle variazioni del mercato, che potrebbe vedere un aumento degli importi mensili addirittura vicino al 40%. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr