PS5, Xbox Series X e GPU: TSMC potrebbe aprire una fabbrica di chip in Italia

Eurogamer.it ECONOMIA

Da quando è scoppiata la pandemia, per i produttori di dispositivi elettronici è sempre più difficile stare dietro alla domanda a causa della carenza di chip.

Fonte: Corriere della Sera

PS5, Xbox Series X/S e GPU sono dei perfetti esempi: nonostante le console next-gen siano uscite a fine 2020, ci sono ancora molti giocatori che faticano ad acquistarle.

Oltre all'Italia, anche la Germania è il potenziale luogo scelto per la creazione di questa fabbrica. (Eurogamer.it)

La notizia riportata su altri media

Secondo quanto indicato dalle fonti, l'Italia è l'unico territorio rimasto in lizza insieme alla Germania. L'investimento, a opera di Tsmc (Taiwan Semiconductor Manufacturing Company), dovrebbe essere simile a quello già in corso in Giappone e in Arizona (USA). (Multiplayer.it)

Con lo stallo tedesco l'Italia prova a inserirsi. Sul tramonto dell'era di Angela Merkel e all'alba dell'era Scholz, l'accordo tra Tsmc e Berlino sembrava cosa fatta. L'interlocuzione tra fronte italiano e fronte taiwanese esiste ma, secondo fonti informate della vicenda, non c'è ancora niente di concreto. (Wired Italia)

COSA FA TSMC. Tsmc è la più grande produttrice di chip su contratto: significa che li fabbrica per conto di terzi, cioè aziende che si limitano a progettarli ma non li realizzano concretamente. Tsmc, il colosso taiwanese dei microchip, potrebbe aprire una fabbrica di semiconduttori in Italia o in Germania (Start Magazine)

L'idea del colosso, infatti, è quella di realizzare un investimento da circa 10 miliardi di euro, con la creazione di una nuova fabbrica. Lo rende noto il Corriere della Sera, parlando dei programmi di Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (Tsmc), la prima impresa al mondo nel settore e la nona più grande per valore di mercato subito con una capitalizzazione di circa 470 miliardi di dollari. (La voce di Rovigo)

L’azienda aveva già contattato il governo tedesco alla fine del 2021, ma le negoziazioni sembrerebbero in una fase di stallo. Se dovesse sorgere nel Bel Paese (probabilmente in Lombardia o Veneto), l’impianto di TSMC potrebbe creare da 3.000 a 5.000 posti di lavoro diretti (senza considerare l’indotto). (Tom's Hardware Italia)

Oltre al coraggio da parte del governo italiano, naturalmente, di dispiacere alla Cina offrendo un’apertura a Taiwan Niente di tutto questo significa che l’arrivo del gruppo taiwanese in Italia sia già scontato o sia privo di ostacoli. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr