Cosa succede se mi vaccino quando sono positivo?

Cosa succede se mi vaccino quando sono positivo?
Ok Salute e Benessere SALUTE

Ecco perché ci si chiede cosa possa accadere in caso di iniezione del siero di Pfizer o Moderna quando siamo positivi.

Ecco perché. Anche fare un esame sierologico prima della vaccinazione è assolutamente inutile.

Vaccinarsi quando si è positivi: se si è asintomatici nessun rischio per la salute. La risposta degli esperti è rassicurante.

Inoltre con il test sierologico si vedono solo alcuni anticorpi e non quelli più potenti, che si trovano all’interno del midollo osseo

Vaccinarsi quando si è positivi: inutile fare un test sierologico prima. (Ok Salute e Benessere)

Su altri media

Risponde la pediatra di Elena Bozzola. Mandate le vostre domande sul vaccino dei più piccoli a Elena Bozzola, pediatra del Bambino Gesù, all'indirizzo [email protected] (La Repubblica)

Una novità importante soprattutto in quanto "in futuro potrebbe diventare sempre più importante individuare il momento esatto nel quale è ora di fare il richiamo e potrebbe diventare anche un modo per contingentare i vaccini", ha spiegato il virologo Francesco Broccolo, dell'Università di Milano Bicocca. (triestecafe.it)

Le persone che dovessero contrarre il Covid dopo aver già ricevuto la seconda dose, infine, potranno ricevere il booster dopo un periodo di almeno 120 giorni Se invece è trascorso più di un anno dalla malattia, tra la prima e la seconda dose dovranno passare 21-28 giorni, a cui farà seguito la terza dose dopo almeno 120 giorni. (Thesocialpost.it)

Aieop: sì al vaccino anti-Covid per i bambini affetti da tumore

https://it.sputniknews.com/20220110/anticorpi-dopo-guarigione-dal-covid-possono-essere-pericolosi-14549117.html. danimarca. Sputnik Italia [email protected] +74956456601 MIA „Rosiya Segodnya“ 252 60. (Sputnik Italia)

Ascolta la versione audio dell'articolo. 2' di lettura. Sebbene esistano regole e tempi previsti che scandiscono gli intervalli ai quali fare i richiami sia dopo ciascuna dose del vaccino, sia dopo un’infezione, la circolazione sempre più rapida della variante Omicron potrebbe rendere necessario individuare con una precisione maggiore il momento più opportuno per vaccinarsi, considerando anche il livello degli anticorpi. (Il Sole 24 ORE)

In questo ambito la vaccinazione annuale per l’influenza per il paziente e i familiari rimane una misura di prevenzione raccomandata «La condizione di immunodepresso non rappresenta una controindicazione bensì una motivazione ulteriore alla vaccinazione perché la stessa è diretta a proteggere il paziente fragile. (HealthDesk)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr