Pedopornografia, smantellata in Germania rete di 400.000 pedofili attivi nel darkweb

Pedopornografia, smantellata in Germania rete di 400.000 pedofili attivi nel darkweb
Sputnik Italia ESTERI

Sgominata dalla polizia anticrimine tedesca la maggiore piattaforma pedopornografica attiva sul darkweb. Le indagini avviate nel giugno 2019 e condotte da una task force coordinata dall'Interpool hanno portato alla scoperta di Boystown, una rete internazionale di circa 400 mila pedofili che scambiavano on line materiale pedopornografico. All'operazione hanno preso parte forze di polizia di quattro paesi: Olanda Svezia Australia Usa Canada (Sputnik Italia)

Ne parlano anche altre testate

La rete sul Darknet, attiva dal giugno del 2019, è stata smantellata proprio in questi giorni dall’Anticrimine federale tedesco. Sulla piattaforma gli utenti potevano scambiarsi contenuti, cercarli per categoria e chattare tra loro (greenMe.it)

Una indagine della polizia tedesca ha portato alla luce una piattaforma digitale, nascosta nel cosiddetto darkweb, usata per lo scambio di materiale pedopornografico almeno dal 2018. Davvero un fenomeno planetario, un sito web globale con utilizzo in tutto il mondo". (Notizie - MSN Italia)

A tal proposito, sono sempre di più coloro che approfittano di questa voglia di partire, per tendere delle truffe ai danni delle ignare vittime. Quest’ultimo, dopo essersi accorto dell’inganno, è improvvisamente sparito cancellando il falso account dal web. (Minformo)

Sgominata in Germania "Boystown", rete pedopornografica con 400.000 iscritti

Dopo mesi di indagini avvenute in collaborazione con gli organi investigativi di Olanda, Svezia, Australia e Canada, e sotto il coordinamento dell'Europol. Un grande successo investigativo di cui il governo tedesco e in particolare il ministro dell'Interno Horst Seehofer si sono detti molto soddisfatti. (laRegione)

Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo [email protected] Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. (tvsvizzera.it)

Su Boystown uno scambio mondiale di registrazioni di abusi su minori. “Boystown”: una piattaforma di 400.000 membri. La piattaforma, disponibile ovviamente solo sul darkweb, aveva più di 400.000 membri e su di essa circolavano filmati e contenuti relativi a gravi abusi sessuali su bambini, anche molto piccoli. (il Mitte)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr