Internet si spegne. Per un'ora si teme maxi attacco hacker. “È solo un incidente”

Internet si spegne. Per un'ora si teme maxi attacco hacker. “È solo un incidente”
Notizie - MSN Italia ECONOMIA

"La nostra rete globale sta tornando online".

Un ambiente che ogni tanto può anche inciampare per problemi tecnici o per un attacco malgrado ormai sia integrato nella società ad ogni livello

"Si è verificato in un servizio cloud, Fastly.

Più precisamente nella sua rete globale di distribuzione (Cdn).

Fastly, fondata nel 2011 a San Francisco, fornisce i suoi sistemi di "edge cloud" ad aziende di tutto il mondo. (Notizie - MSN Italia)

Su altre testate

Down globale: intorno a mezzogiorno decine di siti di giornali (ma non solo) hanno improvvisamente smesso di funzionare. Giornali computer. Cosa è successo. Il problema sarebbe legato ad un problema al Content Delivery Network, lo strumento che consente di distribuire i contenuti (News Mondo)

Non si è trattato di un attacco hacker – come si era temuto dinanzi ai tanti siti di informazione in blackout – ma di un problema tecnico. (Corriere Quotidiano)

Guardian, Financial Times, New York Times e altri siti di informazione globali sono andati in crash, l’ipotesi è quella di un attacco hacker che ha paralizzato il servizio cloud americano Fastly. New York Times, The Guardian, Financial Times e altri siti d’informazione sono rimasti offline per alcune ore intorno alle 12 di oggi. (Investing.com)

Dalla Bbc alla Cnn, bloccati diversi siti web di media internazionali

GIÙ I SITI D’INFORMAZIONE. Ad essere colpite dai disservizi sono state molte importanti testate d’informazione note a livello internazionale. Il sospetto è che all’origine del disservizio ci sia un attacco hacker, anche se al momento non sono comparse rivendicazioni sul web. (Benzinga Italia)

Tra le “vittime” anche PayPal, oltre ad Amazon, Guardian, New York Times, Cnn, Reddit e Twitch, giusto per citarne qualcuna. Tra i fornitori più usati, oltre a Fastly e Amazon Web Service, anche Cloudflare, CloudFront e Akamai. (Il Sussidiario.net)

“Stiamo continuando ad indagare la questione”, si legge ancora sul sito del provider, che peraltro non ha mai smesso di funzionare. Potrebbe essere stato un crash tecnico del provider Fastly, e non necessariamente un attacco hacker, ad aver provocato oggi il blocco di numerosi siti internet internazionali, inclusi – fra gli altri – quelli di diversi media e del governo britannico. (ErreEmme News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr