Covid, l'Europa vuole allentare le restrizioni sul turismo

Covid, l'Europa vuole allentare le restrizioni sul turismo
Radionorba ESTERI

L’accordo copre i 92 paesi Gavi COVAX a basso e medio reddito, inclusa l’India

Buone notizie per il turismo, soprattutto per i Paesi che hanno affrontato meglio l’emergenza covid e hanno quasi completato la campagna vaccinale.

In una nota dell’esecutivo si legge, infatti, che “Visto che l’emergere di varianti preoccupanti del coronavirus richiede una vigilanza continua.

34 milioni di dosi cominceranno a essere consegnate già nel quarto trimestre del 2021, con una opzione per COVAX fino a ulteriori 466 milioni di dosi nel 2022. (Radionorba)

Ne parlano anche altre fonti

«Abbiamo arredato anche delle aree da tè, caffè o da aperitivo – spiega Antonella Parente – Per noi è fondamentale che le persone si sentano a casa. Ciò non toglie, però, che bisogna adoperarsi anche dal punto di vista tecnologico, infatti ho una persona che mi supporta a livello marketing e di social media», prosegue Antonella Parente. (L'Agenzia di Viaggi)

Il Governo italiano consente i viaggi per turismo fuori dai confini nazionali da/verso i Paesi Ue e Schengen. Tuttavia, se nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia c’è stato un soggiorno o un transito dai Paesi dell’Elenco C, il test molecolare o antigenico rimane d’obbligo. (Money.it)

L’appello. “È tempo di rilanciare l’industria del turismo e di riavviare le amicizie frontaliere in sicurezza- ha scritto la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, su Twitter- Ma se emergono varianti dobbiamo agire in fretta: proponiamo un meccanismo di freno d’emergenza Ue”. (L'Occhio)

Ce lo chiede l'Europa: la Commissione chiede di allentare le restrizioni sui viaggi non essenziali

La proposta prevede comunque un nuovo meccanismo di ‘freno di emergenza’ da coordinare a livello Ue e che limiterebbe il rischio di importazione delle varianti del virus A quel punto la Commissione punta ad includere nell’elenco dell’allentamento delle restrizioni un congruo numero di Paesi. (Corriere Italiano)

Prima di diventare operative e di essere attuate, le raccomandazioni della Commissione devono essere approvate dagli Stati membri "Questo permetterà agli Stati membri di agire rapidamente e limitare in via temporanea i viaggi dai Paesi colpiti, per il tempo necessario a mettere in atto misure sanitarie adeguate" spiega Adalbert Jahnz, portavoce della Commissione europea. (Euronews Italiano)

Sono orgoglioso di farne parte, ma sono ancor più felice se penso che quello che abbiamo fatto in questi quasi vent’anni continuerà, grazie alla ricerca e alla didattica, a crescere e a diffondersi, in virtù di quella che i Latini avrebbero definito giustamente industria felix» (G. (il Mattino di Foggia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr