Palermo, l’ex parroco scomunicato Minutella è stato declassato a laico

Palermo, l’ex parroco scomunicato Minutella è stato declassato a laico
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Così, nel 2018 era stato scomunicato per eresia e scisma, atto notificato dall’arcidiocesi siciliana.

E per Alessandro Minutella, allora don Minutella, Benedetto XVI era l’unico a poter salvare la Chiesa che con l’avvento di Jose Mario Bergoglio al soglio pontificio era diventata “falsa, vuota e progressista“.

È l’ultima sanzione canonica a disposizione da quella che si dice essere la Chiesa della Misericordia, la Chiesa del dialogo”

Questo severo provvedimento non ha fatto altro che alimentare la protesta del parroco, che aveva continuato a inveire contro il Papa, il vescovo Lorefice e tutta la chiesa sul suo canale personale. (Il Fatto Quotidiano)

Su altri giornali

Per sapere di più su chi è don Minutella? Don Minutella: stavolta arriva la scomunica ufficiale! (La Luce di Maria)

Migliaia di visualizzazioni su youtube. Don Minutella è solito parlare ai suoi sostenitori attraverso il canale youtube Radio Domina Nostra. Sono tanti tuttavia, a Palermo, ma non solo, coloro che sostengono don Minutella, ritenendolo rivelatore di importanti verità sulla Chiesa. (BlogSicilia.it)

Era stato già scomunicato con le accuse di eresia e scisma, poiché considerava Papa Francesco e il vescovo di Palermo Corrado Lorefice, eretici e indegni di esercitare il loro ruolo di pastori. (Aleteia IT)

Palermo, dopo la scomunica nuova sanzione per don Minutella: è fuori dalla Chiesa

194 § 1, n. 2; il chierico inoltre può essere punito con le pene di cui nel can. Un po’ di diritto canonico. La dimissione dallo stato clericale è invece, nella fattispecie, l’ovvia conseguenza del Can. (Aleteia IT)

Don Minutella era stato accusato di aver dato vita ad una vera e propria Chiesa parallela a quella cristiana cattolica. Anzi, è letteralmente esploso sul suo canale YouTube, inveendo contro il Papa e il vescovo del capoluogo siciliano Corrado Lorefice. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr