Troppe denunce: la Johnson & Johnson toglie dal commercio il Borotalco

L'INDIPENDENTE ECONOMIA

A causa di tutto questo, nel tempo Johnson & Johnson si è imbattuta in migliaia di cause legali, che l’hanno portata a decidere di non vendere più il suo borotalco a partire dal 2023.

Questo connubio risulta essere molto pericoloso, soprattutto per le decine di impieghi in cui il talco costituisce un “ingrediente” essenziale.

In molti sostenevano – e sostengono tuttora – che nel talco fosse presente amianto, un materiale molto dannoso per l’uomo perché cancerogeno. (L'INDIPENDENTE)

La notizia riportata su altri giornali

Ma nonostante le molte cause perse, lo scorso maggio i soci della multinazionale erano pronti a continuare alla commercializzazione del prodotto. Infatti l’azienda di New Brunswick negli anni precedenti aveva ricevuto tantissime cause legali contro la polvere Baby Powder con un’accusa gravissima: il prodotto sarebbe cancerogeno. (Ecoo)

La società ha dichiarato la scorsa settimana che la sua posizione sulla sicurezza del suo talco cosmetico rimane invariata. La società ha annunciato infatti che smetterà di vendere polvere per bambini a base di talco a livello globale nel 2023. (Milano Finanza)

Subito nel tuo abbonamento:. (IL GIORNO)

Il colosso farmaceutico Johnson & Johnson ha deciso di interrompere la produzione del suo talco per bambini dal 2023. Nonostante l’azienda continui a sostenere come il “Johnson’s Baby Powder” non contenga sostanze cancerogene, sulla decisione hanno avuto un peso le circa 38mila azioni legali intentate dai consumatori per la presenza di amianto nel prodotto che causerebbe tumori alle ovaie. (QuiFinanza)

La multinazionale farmaceutica americana Johnson & Johnson smetterà di produrre e vendere il suo talco in tutto il mondo a partire dal 2023. Dal 2014, l’azienda ha dovuto affrontare decine di migliaia di cause legali in America da parte di consumatori che sostenevano di aver contratto il cancro dopo aver utilizzato i prodotti a base di talco per periodi prolungati. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr