Cartelle cancellate dopo 5 anni, stralcio per tutti: in cantiere la riforma della riscossione

Cartelle cancellate dopo 5 anni, stralcio per tutti: in cantiere la riforma della riscossione
Altri dettagli:
Money.it ECONOMIA

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, tra le ipotesi in cantiere torna quella di disporre che le cartelle non riscosse siano cancellate dopo 5 anni, automaticamente e per tutti.

Cartelle cancellate dopo 5 anni, stralcio per tutti: in cantiere la riforma della riscossione. È pari a circa mille miliardi il conto dei debiti non riscossi relativi al periodo dal 2000 al 2020, e solo una minima parte di questi rientrerà nello stralcio automatico previsto dal decreto Sostegni. (Money.it)

Su altre testate

mentre l'imposta di bollo (+13 milioni di euro, +0,5%), e l'imposta di registro hanno evidenziato una crescita di gettito (+375 milioni di euro, +30,8%) L'Ires ha evidenziato un gettito pari a 1.439 milioni di euro (+ 206 milioni di euro, +16,7 %). (IL GIORNO)

Bene dunque il piano del governo che prevede di cancellare dopo cinque anni i carichi fiscali risultati inesigibili» Crediti dello Stato in larga parte perduti ai quali però il fisco, per espresso obbligo di legge, deve ancora la caccia disperdendo energie. (ilmessaggero.it)

Rinunciare all’illusione dei 1000 miliardi custoditi dal cosiddetto “magazzino” dell’Agenzia delle Entrate, facendo piazza pulita delle cartelle che risultano inesigibili. Restringere a cinque anni la prescrizione dei crediti iscritti a ruolo accorciando così i tempi della riscossione per renderla più efficiente. (Il Caudino)

Colpo di scena, cancellate alcune cartelle esattoriali

Ciò si tradurrebbe, per il quotidiano, in un'azione concentrata sugli importi più rilevanti. (Italia Oggi)

Ci sono 160 milioni di cartelle ancora in ballo e l’80% si riferisce al periodo 2000-2015. LO SCOPO. Per questa ragione si pensa, appunto, ad imporre all’agente della riscossione un termine preciso: 5 anni (ilmessaggero.it)

Ciò significa che non si potranno notificare cartelle esattoriali, i pagamenti sono sospesi e non è prevista l’attivazione di nuove procedure cautelari Leggi anche > > > Agenzia delle Entrate: l’ordinanza che tiene sulle spine i lavoratori. (ContoCorrenteOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr