Sorpasso al fotofinish, in Perù la speranza Pedro Castillo è viva

Sorpasso al fotofinish, in Perù la speranza Pedro Castillo è viva
Il Manifesto ESTERI

L'atteso sorpasso è avvenuto intorno alle 11.30 (ora locale) di ieri, dopo un'attesa lunga e snervante.

Il margine, è vero, resta strettissimo - 50,165% contro 49,835%, con il 94,8% dei voti scrutinati - e c'è l'incognita del voto all'estero, di cui si avranno i dati tra oggi e domani, ma per il maestro e leader sindacale che ha acceso la speranza dei ninguneados, i nessuno del Perù profondo, la vittoria sembra ora a portata di mano

Da quel momento il sogno di Pedro Castillo di poter cambiare il paese, liberandolo dall'eredità tossica del fujimorismo, si è man mano consolidato. (Il Manifesto)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Tre anni dopo, i genitori l'hanno spedita a studiare Business Administration negli Stati Uniti. Sono passati 10 anni di governo autoritario prima che il dittatore Fujimori cadesse nel 2000 insieme al suo governo travolto dagli scandali. (Marie Claire)

Fujimori dice che ci sono state «irregolarità» e «segni di frode». Il candidato di sinistra alle elezioni presidenziali del Perù, Pedro Castillo, mastro e contadino, in leggero vantaggio sulla conservatrice Keiko Fujimori, figlia dell’ex presidente Alberto, quando lo scrutinio è arrivato al 97,2 per cento. (La Nuova Ferrara)

E molti seggi elettorali in queste zone devono ancora essere conteggiati. (askanews) – Con il 40,03% delle schede scrutinate, la candidata di Fuerza popular, Keiko Fujimori, è in testa alle elezioni presidenziali in Perù (askanews)

Bond Perù in calo sulla vittoria del candidato di estrema sinistra: rendimento a 100 anni vicino al 4,20%

Non c'è ancora un vincitore delle elezioni in Perù. Alle 21:25 ora locale (le 4:25 in Italia) Castillo (50,28%). (ilmattino.it)

E’ testa a testa in Perù per il ballottaggio presidenziale. La vicinanza tra i due candidati e le tensioni di ieri rischiano di consegnare ai tribunali il risultato del ballottaggio. (Radio Onda d'Urto)

Le elezioni presidenziali hanno esitato un risultato assai stretto e in linea con gli ultimi sondaggi. L’indice S&P Lima General cedeva il 7,7% lunedì, mentre il tasso di cambio tra sol e dollaro perdeva il 2,5%. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr