Muore all'ospedale di Pordenone dopo aver mangiato una pianta velenosa - TGR Friuli Venezia Giulia

Muore all'ospedale di Pordenone dopo aver mangiato una pianta velenosa - TGR Friuli Venezia Giulia
TGR – Rai INTERNO

Secondo una prima ricostruzione, durante una passeggiata nel bosco una decina di giorni fa aveva raccolto del còlchico autunnale, una pianta molto velenosa, scambiandolo per aglio orsino.

L'ospedale di Pordenone. Un uomo di 62 anni, Valerio Pinzana, residente a Travesio, è morto ieri (lunedì 5 aprile) all'ospedale di Pordenone per aver ingerito sostanze velenose.

Sentitosi male è stato subito portato in ospedale, dove è stato diagnosticato l'avvenelamento da còlchico, per cui purtroppo non esiste antidoto

Pinzana ha poi usato le erbe spontanee per fare un pesto e condire la pasta. (TGR – Rai)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Tutto è accaduto a Travesio, Pordenone, dove il signor Valerio aveva raccolto pochi giorni fa del il “colchino d’autunno”, o croco, conosciuto anche come “zafferano bastardo” o “falso zafferano” o ancora “arsenico vegetale”, confondendolo con l’aglio orsino. (greenMe.it)

Stando ad una prima ricostruzione, durante una passeggiata nel bosco una decina di giorni fa aveva raccolto del còlchico autunnale, una pianta molto velenosa, scambiandolo erroneamente per aglio orsino. (triestecafe.it)

“Il colchico d’autunno ha i petali color violetto e i pistilli arancio scuro che sembrano quelli dello zafferano, ma bisognerebbe sempre ricordare che lo zafferano vive nei paesi caldi e non in montagna (Il Fatto Quotidiano)

Coglie falso zafferano per condire la pasta e muore avvelenato

Secondo una ricostruzione della vicenda, la scorsa settimana l’uomo aveva fatto una passeggiata nei prati attorno a casa per raccogliere dell’aglio da impiegare come condimento. Un uomo, di 61 anni, di Travesio (Pordenone), è morto avvelenato dopo aver ingerito del colchico, o croco, conosciuto anche come “zafferano bastardo”, “falso zafferano” o “arsenico vegetale”, confondendolo con l’aglio orsino. (L'HuffPost)

Nella giornata di Pasquetta, lunedì 5 aprile, un uomo di 62 anni è morto tragicamente all’ospedale civile di Pordenone per aver ingerito sostanze velenose. Come reso noto da TeleFriuli, il 62enne era un esperto escursionista e grande conoscitore delle erbe spontanee (Ck12 Giornale)

Dal Friuli-Venezia Giulia giunge una notizia che ci ricorda quanto il riconoscimento delle erbe spontanee sia un’arte delicata. Un 61enne di Travesio (PN) è deceduto dopo aver ingerito una specie velenosa, colta la scorsa settimana durante una passeggiata in quota. (Montagna.tv)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr