Supermercati a confronto, la mappa della convenienza in provincia di Modena

ModenaToday ECONOMIA

Le precisazioni di Federconsumatori. "La ventisettesima indagine sui prezzi praticati dalla Grande Distribuzione in provincia di Modena è un unicum nel nostro paese

Stessa cosa vale per i Primi prezzi, una categoria dove Rossetto non tenta la competizione né coi discount né coi diretti concorrenti.

Dopo anni di dominio del Distretto ceramico, nel 2020 la città di Modena era tornata in testa alla classifica della convenienza sul fronte dei prezzi nei supermercati. (ModenaToday)

Su altre testate

Se Conad “crede” nei prodotti a proprio marchio, che nella Rete considera centrali, stessa cosa non si può dire rispetto ai primi prezzi; classifica dove Conad stabilmente è agli ultimi posti per i prezzi praticati. (SulPanaro)

Dopo anni di dominio del Distretto ceramico, nel 2020 la città di Modena era tornata in testa, nel ruolo che dovrebbe tipicamente spettare alla città capoluogo. Vince ancora Rossetto, nella classifica del negozio più conveniente, con la sua unica struttura di Fiorano (COOPERATIVA RADIO BRUNO srl)

Ed è competitivo nella fascia dei prodotti Grandi Marche, non nelle altre categorie».Nel rapporto si legge che «nei Grandi Marche il primo Esselunga è al decimo posto nel prezzo intero e scontato Tenendo conto di tutti i parametri di indagine, Coop Allenza 3.0 è infatti la catena più conveniente. (La Gazzetta di Modena)

Sembrerà incredibile ai più, soprattutto ai consumatori carpigiani, ma Carpi, secondo i dati raccolti dalla 27esima edizione dell'osservatorio provinciale sui prezzi praticati da supermercati, ipermercati e discount della provincia di Modena realizzata annualmente da Federconsumatori, è balzata in vetta alla classifica: mediamente a Carpi si paga di meno sul carrello della spesa di quanto non si faccia a Modena, Sasuuolo e in tutto il resto della provincia, con un differenziale sui meno "risparmiosi" che pesa fino a 350 euro in meno all'anno (Voce di Carpi)

Il soggetto che ha trainato di più questa competizione è stata l’ipercoop Borgogioioso di Carpi che ha trascinato a una sostanziale uniformità di prezzi le altre strutture della zona. "Per la prima volta in 27 anni di Osservatorio – spiega Govoni – la città di Carpi, nota per non essere la più conveniente d’Italia, è al primo posto. (Il Resto del Carlino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr