Governo: Pd, 'proposta Salvini solo posizionamento tattico' | SassariNotizie 24 ore - 611769

Governo: Pd, 'proposta Salvini solo posizionamento tattico' | SassariNotizie 24 ore - 611769
SassariNotizie.com INTERNO

Due i capisaldi: un presidente che garantisca di terzietà e autorevolezza espresso con la più ampia maggioranza; un governo che garantisca il cammino della legislatura fino a scadenza naturale"

politica. Roma, 12 gen (Adnkronos) - La proposta di Matteo Salvini su un governo dei leader "sembra nient'altro che un posizionamento tattico, un modo per buttare la palla in tribuna in un momento in cui il dibattito nel centrodestra è congelato dalla presenza in campo di Silvio Berlusconi". (SassariNotizie.com)

Su altre testate

Salvini sa però che un voto per il Colle con una maggioranza diversa da quella che sostiene il governo rischia di travolgere lo stesso Draghi. Salvini non si sbilancia: «Aspetto che Berlusconi sciolga le riserve». (Firenze Post)

A quel punto Berlusconi si intesterebbe l'elezione, rinunciando per amor di patria a correre per cedere il passo al grande tecnico. Il punto è che sia Salvini che la Meloni mirano a elezioni anticipate. (Liberoquotidiano.it)

Pd e 5 Stelle da soli non eleggono nessuno e allora il piano consisterebbe nel coinvolgere Salvini. Un piano rischioso per quel che resta del centrosinistra, figlio della paura di perdere tutto. Leggi anche:. (Radio Popolare)

La scalata del Cavaliere

Il dirigente grillino l’ha capito nel momento in cui ha provato a chiedere a Fedele Confalonieri se dietro la candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale ci fosse un «piano b». Anzi, al momento Berlusconi sostiene che il premier al Colle «non lo vuole nessuno» (Corriere della Sera)

«Se i partiti vogliono che prosegua nel mio impegno al governo sono a disposizione» l’assicurazione che Draghi avrebbe fatto al leader leghista. Il leader leghista deve poi tenere fede alla promessa di unità ribadita nel vertice del centrodestra tenutosi nei giorni scorsi a Villa Grande (Corriere della Sera)

E poi lancia l’ipotesi rimpasto di governo per il dopo Quirinale, un governo dei leader, “i partiti – sostiene - dovranno mettere in campo le energie migliori”. A Villa Grande ha visto il coordinatore del partito Tajani e i capigruppo Forza Italia. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr