La rivolta sul web: "Non toccate i nostri vestiti"

La rivolta sul web: Non toccate i nostri vestiti
Per saperne di più:
ilGiornale.it ESTERI

Abiti tradizionali di ogni provincia, tinte multicolori, make-up sul viso.

E via con il sospetto: «Le donne che hanno sfilato per i talebani probabilmente sono state minacciate

«Voglio informare il mondo che questa non è la cultura afghana, questa non è la nostra identità», spiegano le anti-talebane in Rete, mostrando le loro foto in abiti tradizionali dai mille colori e i capelli al vento.

«Il nero era per i funerali scrive qualcuna, che fa parte del nutrito blocco in rivolta dall'estero - Al massimo si indossava uno scialle nero, non questa gabbia». (ilGiornale.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Afghanistan, rettore Orientale: “Vi spiego la differenza tra i talebani di 20 anni fa e quelli di oggi” Il rettore dell’Università Orientale, Roberto Tottoli, commenta a Fanpage.it la situazione attuale in Afghanistan dopo il ritiro delle truppe americane: “I talebani hanno il controllo del paese, possiamo dire che l’Afghanistan sia oggi un paese unito più di quanto lo sia stato negli ultimi 30 anni”. (Fanpage.it)

"Quando mi sono guardata allo specchio ho avuto un attimo di pace, qui viviamo in prigione", ha raccontato al Washington Post la giovane che dopo la vittoria dei Talebani si è nascosta insieme alla sua famiglia per paura di rappresaglie. (Today.it)

Per ora c’è ancora tutto, è il denaro per comprare che scarseggia» «Sono a casa, a Kabul, una villetta Anni 60, confortevole a parte gli spifferi l’inverno. (Corriere della Sera)

"Il nero del burqa non è la mia cultura". La campagna delle donne afghane contro i talebani

«Due decenni dopo, tornati al potere, i talebani non si aspettavano una resistenza diffusa guidata dalle donne afghane», ha aggiunto Weeda Mehran. Nonostante la fuga di questo capitale sociale, la resistenza civile è rimasta forte, soprattutto tra le donne. (Vanity Fair Italia)

Vogliamo ascoltarlo o preferiamo continuare a discettare sulle varie forme di libertà che, secondo alcuni, ci verrebbero negate col green pass? Ha già contribuito in modo fattivo, rivolgendosi al Ministero degli Esteri e della Difesa, all’evacuazione di decine di persone. (Il Riformista)

Posta un dipinto, che ritrae donne afghane in festa, danzanti nei loro abiti vivaci: “Un burqa, nero o blu, non è mai stato una norma. Il giorno prima, sabato, si era tenuta una manifestazione di donne che sostengono i talebani alla Shaheed Rabbani Education University. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr