Israele, torna la tensione a Gerusalemme tra arresti, marce negate e clima d'odio per il nuovo governo

Israele, torna la tensione a Gerusalemme tra arresti, marce negate e clima d'odio per il nuovo governo
La Repubblica ESTERI

Intanto, sul fronte interno, il clima è sempre più avvelenato per le accuse del Likud contro i "traditori" della coalizione anti-Netanyahu

Israele, torna la tensione a Gerusalemme tra arresti, marce negate e clima d'odio per il nuovo governo di Sharon Nizza. I gemelli Mona e Mohammed al-Kurd, attivisti palestinesi di Gerusalemme, rilasciati dalla polizia israeliana dopo alcune ore di arresto (afp). (La Repubblica)

Ne parlano anche altri media

Il governo sarà composto da otto partiti di destra, centro e sinistra, oltre al partito arabo Ràam, uniti soprattutto dall'obiettivo di estromettere Netanyahu.Il governo del cambiamento sarà guidato a rotazione, prima da Naftali Bennett, leader del partito di destra Yamina, poi da Yair Lapid, capo del partito centrista Yesh Atid (Rai News)

Benjamin Netanyahu ha condannato "l'istigazione e la violenza da qualsiasi parte provengano", ma al tempo stesso ha denunciato "la truffa elettorale più grande" mai avvenuta in Israele riferendosi al nuovo governo – da lui definito "di sinistra" – che si profila in Israele. (L'Unione Sarda.it)

L'era Netanyahu ha la sua data di scadenza

Di tale debolezza sta cercando di approfittare il premier uscente, Benjamin Netanyahu, che dopo dodici anni consecutivi al potere è ben poco propenso a lasciare le redini del Paese ad una coalizione che unisce destra, sinistra a arabi. (InsideOver)

omenica prossima, il 13 giugno, la Knesset sarà chiamata a esprimere il proprio voto di fiducia per il nuovo governo israeliano, guidato dalla coalizione di Naftali Bennett e Yair Lapid. Nel corso della stessa sessione speciale sarà inoltre eletto anche il nuovo speaker per la 24esima Knesset, che succederà a Levin (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr