Coppa Davis 2021: il ritorno dopo la cancellazione del 2020. Ma ha ancora senso chiamarla così?

Coppa Davis 2021: il ritorno dopo la cancellazione del 2020. Ma ha ancora senso chiamarla così?
OA Sport SPORT

I quarti di finale sono distribuiti su quattro giorni e nelle tre sedi di gara, le semifinali in giorni differenti.

Chiaramente tutto questo, di comune con la Coppa Davis com’era nota fino a tre anni fa, ha ben poco: un nome diverso sarebbe senz’altro più adeguato

Quelle più note sono il rinvio della fase finale del 2020 al 2021 e la successiva delocalizzazione dei gironi su più sedi.

Ci sono circa 2000 posti in meno alla Madrid Arena rispetto al campo intitolato a Manolo Santana, il che offre la sensazione del downgrade. (OA Sport)

Su altri giornali

Ma finalmente si può tornare a giocare per la coppa più nobile del panorama internazionale, con 18 nazioni rimasti a giocarsi il trofeo. Tra chi è rimasto in lizza, ci sarà particolare attenzione alla Russia, alla caccia del suo terzo titolo dopo quelli 2002 e 2006. (OA Sport)

Sarà dunque Jannik Sinner ad affrontare le battaglie sulla carta più dure, quelle con i ‘numero 1’ avversari, costretto dunque a dimostrarsi ancora una volta più maturo dei suoi vent’anni Manca sempre meno alla Coppa Davis 2021, appuntamento che con la sua finale prevista per il prossimo 5 dicembre chiuderà la stagione tennistica. (OA Sport)

Spigliato e sorridente, Sinner ha raccolto con orgoglio la bandiera di alfiere azzurro in Davis: "Le due partite giocate alle Atp Finals sono state una grande esperienza che mi ha spinto a crescere ancora. (La Gazzetta dello Sport)

Coppa Davis, Jannik Sinner: “C’è Tiafoe? Sono contentissimo… Alle ATP Finals ho imparato molto

La Coppa Davis differisce dunque dalla neonata ATP Cup, che a gennaio metterà invece in palio interessanti punti per il ranking ATP (come aveva già fatto lo scorso inverno, quando la Russia si impose in finale contro l’Italia), generando ancora più interesse negli atleti che decideranno di prendervi parte. (OA Sport)

I cinque giocatori che conquisteranno l’Insalatiera si divideranno 1,43 milioni di euro e la Federazione di appartenenza vedrà arricchire le proprie casse di ben 1,08 milioni di euro. I finalisti perdente dovranno accontentarsi di 1,55 milioni di euro, mentre 741.000 euro andranno alla Federazione. (OA Sport)

Berrettini e Sinner in Top 10: i numeri di un evento storico per l'Italia. Davis Cup Convocazioni Italia, nessuna sorpresa: prima per Sinner e Musetti 25/10/2021 A 16:38 Jannik Sinner sarà chiamato a trascinare l’Italia in Coppa Davis (Eurosport.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr