Onore a Sinner, esempio positivo anche nella sconfitta

Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
TennisItaliano.it SPORT

Nonostante una prestazione altalenante, complice una condizione fisica non ottimale, Jannik ha dato fondo a tutte le risorse per tentare di ribaltare l’esito dell’incontro. Non da meno però è stato Daniil Medvedev foto Ray Giubilo Il match tra Sinner e Medvedev andato in onda in questo martedì pomeriggio di un piovoso luglio londinese, meriterebbe uno spunto dalla Metamorfosi kafkiana. Per dire di come, nell’atto finale di stringere la mano, Daniil Medvedev sembrasse uscito da sogni inquieti, prima di vedersi mutato nel primo semifinalista del torneo di Wimbledon (TennisItaliano.it)

Su altre fonti

Anche se a vincerlo dovessero essere Novak Djokovic o Carlos Alcaraz. Vediamo perché. (la Repubblica)

Al terzo game del terzo set, sul punteggio di 1-1 (primo conquistato al tie break, con il regalo di Medvedev che ha perso 9-7 dopo essere stato in vantaggio 3-1) infatti, Sinner si è accasciato sulla sedia ed ha avuto un malore, diversi giramenti di testa, che hanno costretto il medico di campo ad accompagnarlo negli spogliatoi per una decina di minuti. (Liberoquotidiano.it)

Il numero 1 ATP era stato già male durante la notte e in mattinata, ma è sceso lo stesso in campo e ha lottato 5 set. (Fanpage.it)

Sinner e il problema del quinto set negli Slam: nona sconfitta su 15 partite

È dura da digerire: perdere da numero uno fa più male». Delitto e castigo, sarebbe stato un po’ troppo: «Ho dormito poco, non mi sentivo benissimo, ho avuto troppi alti e bassi di energia. (Corriere della Sera)

La rivincita della finale dell'Australian Open tra Daniil Medvedev e Jannik Sinner va in scena sul Centrale di Wimbledon alle 14.30 ora italiana. In palio per entrambi la seconda semifinale consecutiva ai Championships: sarebbe la quarta complessiva in uno Slam per Sinner, la nona per Medvedev. (SuperTennis)

Il ragazzo di Sesto Pusteria si è arreso a Daniil Medvedev in una partita difficile ma anche condizionata da un malore tra secondo e terzo set. Però evidenzia anche un cattivo feeling al quinto set per l’allievo di Simone Vagnozzi. (OA Sport)