Peste suina in Liguria, la Regione allarga l'area a rischio

Peste suina in Liguria, la Regione allarga l'area a rischio
GenovaToday INTERNO

Secondo la sezione ligure della Confederazione Italiana Agricoltori il problema deriverebbe anche dall'elevato numero di cinghiali presenti sul territorio.

Con il blocco della caccia per questi casi di peste suina, avremo ulteriori problemi sul territorio.

Nel pomeriggio si mercoledì 12 gennaio, spiega l'assessore Piana, il ministro dovrebbe firmare l'apposita ordinanza per definire le restrizioni e i divieti che interesseranno una parte del territorio ligure e genovese. (GenovaToday)

Su altri giornali

Da qui la richiesta dell'esponente dell'opposizione di aumentare le giornate di caccia al cinghiale rispetto all'attuale vincolo previsto dal calendario venatorio. Anche perchè non è stato ancora raggiunto l’obiettivo previsto dal piano di abbattimento dei ì cinghiali e il numero elevato di questi, derivante dal loro mancato abbattimento rischia di provocare gravi conseguenze al settore agricolo. (PerugiaToday)

Un motivo in più per proseguire sull’azione di contenimento dei cinghiali in tutta la provincia, nell’area Parco Colli Euganei come nelle altre zone, a partire dalla Bassa Padovana fra Ospedaletto, Este e Granze I più esposti, ricorda Coldiretti Padova, sono gli allevamenti suini presenti nella nostra provincia. (PadovaOggi)

E importante è anche l’impegno di Regione Lombardia a sburocratizzare le pratiche per gli interventi dei controllori. E ora, il rischio di ritrovarci con i cinghiali contagiati dalla peste suina che girano indisturbati per i nostri paesi e città è tutt’altro che improbabile”. (Luino Notizie)

Alto Varesotto, "Più attenzione a quello che succede nel bosco". Preoccupa la peste suina africana

Un problema già vissuto un anno fa che quest’anno si associa alla pesante e dolorosa grana dei costi di produzione. Raddoppiano i costi delle semine per gli agricoltori che non hanno goduto di neppure un centesimo per gli aumenti stellari del grano. (Sardegna Reporter)

I Paesi che più probabilmente adotteranno questo tipo di restrizioni sembrano essere Australia, Brasile, Cina, Filippine, Malesia, Singapore, Taiwan, Thailandia e Ucraina. In provincia di Mantova, sono oltre un milione i suini presenti (dato Ats Valpadana), suddivisi in oltre 450 allevamenti. (La Gazzetta di Mantova)

Da anni la peste suina africana è presente in Belgio, in Germania, nell’est Europa, e anche in contesti extraeuropei come il sud-est asiatico, la Cina e l’India Tempo medio di lettura: 3 minuti. Niente allarmismo, attenzione alta e ricorso a tutti quei comportamenti utili a prevenire situazioni di pericolo. (Luino Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr