Torture col peperoncino ai bimbi e botte con le mazze/ Caserta, l'asilo degli orrori

Torture col peperoncino ai bimbi e botte con le mazze/ Caserta, l'asilo degli orrori
Il Sussidiario.net INTERNO

L’asilo degli orrori, espressione che purtroppo negli ultimi anni ricorre sempre più spesso nelle cronache nostrane: ma, leggendo le motivazioni che hanno portato all’arresto di una coppia di Castel Volturno (Caserta), gestori di un asilo abusivo, la definizione calza a pennello.

Oltre ai maltrattamenti di cui si è detto sopra, pare che i bimbi venissero lasciati senza cibo e acqua nonostante la retta pagata dai genitori, mentre ad alcuni venivano pure spezzate le unghie come ulteriore sevizia a quelle usuali del peperoncino sugli occhi e delle botte con delle mazze di ferro

Tra l’altro a dare in affidamento i loro figli alla coppia dietro il pagamento di una retta erano sovente anche famiglie di extracomunitari residenti in Italia, ignari di cosa accadesse tra quelle mura. (Il Sussidiario.net)

La notizia riportata su altri media

I bambini erano sottoposti a trattamenti di violenza non soltanto fisica, ma anche verbale e psicologica. Maltrattavano i bambini nel loro asilo abusivo, con sevizie e violenze. che alla fine hanno portato i bambini a parlare e, di conseguenza, gli agenti della Polizia ad arrestare un uomo e una donna. (TeleradioNews)

– Un asilo degli orrori, in cui i bimbi non venivano accuditi o educati, ma puniti con metodi da tortura, come lo spezzamento delle unghie e il peperoncino negli occhi, tenuti segregati in stanze buie: lo ha scoperto a Castel Volturno la Polizia, che ha messo agli arresti domiciliari, su ordine del gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, due coniugi ghanesi di 35 anni, che gestivano l’asilo abusivo. (ilgiornalelocale)

Sono alcuni dei metodi che due 35enni coniugi di origine ghanese utilizzavano in un, secondo loro, asilo nido ma che era molto più vicino ad una casa delle torture. Le forze dell’ordine di Castel Volturno, nel casertano, già qualche mese, avevano fatto irruzione nello stabile dove i due ghanesi tenevano in custodia i bambini, affidati dai genitori che garantivano una retta. (L'Eco Vicentino)

Castel Volturno, asilo degli orrori con peperoncino sugli occhi dei bimbi: due arresti

Sin da subito si capì che dentro quelle stanze si erano consumate tremende violenze; i bimbi erano impauriti, ammutoliti, alcuni presentavano segni di violenze sul corpo. A qualcuno è stata spezzata un'unghia, o messo del peperoncino negli occhi. (Notizie - MSN Italia)

“Bambini oggetto di violenze fisiche e vessazioni psicologiche, privati di acqua e cibo, talvolta denudati e chiusi in stanze completamente al buio. E’ quanto avveniva in un asilo abusivo allestito da marito e moglie ghanesi in un appartamento a Castel Volturno (Caserta). (CasertaWeb)

Tra gli orrori venuti alla luce, lo spezzamento delle unghie, il peperoncino sugli occhi, la chiusura in stanze buie, le percosse con bastoni e la privazione di cibo. Terribile scoperta a Castel Volturno, dove la Polizia ha smantellato un asilo degli orrori, in cui bambini di 5-6 anni, invece di essere educati e accuditi, venivano puniti con metodi da tortura. (2a News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr