Vaccino anticovid dal medico di base: c'è l'accordo. Come funziona e chi può farlo

Vaccino anticovid dal medico di base: c'è l'accordo. Come funziona e chi può farlo
RavennaToday SALUTE

Ringrazio sia il ministro Speranza che le organizzazioni di rappresentanza dei medici di medicina generale per il positivo lavoro svolto.

Pertanto, l’assegnazione ai mmg (medici di medicina generale, ndr) delle vaccinazioni anti Covid-19 rende necessario un finanziamento aggiuntivo ad integrazione del fondo sanitario nazionale.

Il finanziamento sarà progressivamente definito sulla base dell’andamento della campagna vaccinale e degli obiettivi e dei target assegnati ai medici di base

Vaccini Covid dal medico di base: il protocollo d'intesa. (RavennaToday)

La notizia riportata su altri giornali

A breve una nuova circolare” Di. Il piano vaccini potrebbe avere delle novità: dopo le pressioni da parte delle Regioni adesso arriva la conferma direttamente da Rezza, direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, che annuncia una nuova circolare in arrivo. (Orizzonte Scuola)

IN ARRIVO IL VACCINO DELLA STATALE DI MILANO. Si tratta di qualcosa di innovativo, perché non è un vaccino a Dna, come quelli di Pfizer e Moderna, né usa l’adenovirus, come nel caso di AstraZeneca e Sputnik V. (Il Sussidiario.net)

Dove si prenota la vaccinazione. I cittadini che rientrano in questa fascia di popolazione potranno chiamare direttamente il proprio medico di base, a partire da martedì 23 febbraio nei normali orari già forniti ai pazienti. (La Repubblica)

Coronavirus: vaccinazioni dal medico di base

“Il recepimento dell’accordo consentirà, a partire dall’esperienza maturata dai medici di medicina generale nell’attività di somministrazione dei vaccini, una efficace diffusione capillare sul territorio regionale e una maggiore partecipazione dei cittadini al programma vaccinale grazie al rapporto di fiducia che lega i medici di assistenza primaria ai loro assistiti”, spiega una nota. (gazzettamatin.com)

Sono 6.500 circa gli anziani over 80 vaccinati oggi, primo giorno della 'fase 2' della campagna in Puglia. «I vaccini che abbiamo a disposizione - dice Lopalco - sono ancora purtroppo pochi, speriamo che nelle prossime settimane si possa aumentare il flusso dei vaccini in arrivo. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Secondo Scotti i medici di base sono già pronti a vaccinare la popolazione, la cosa essenziale che gli vengano fornite le dosi di siero necessarie per portare avanti una campagna vaccinale nei propri studi medici. (Ultim'ora News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr