Tragedia a Monreale, muore una maestra a soli 52 anni

Tragedia a Monreale, muore una maestra a soli 52 anni
Più informazioni:
Diretta Sicilia INTERNO

Il ricordo della maestra Giovanna Gentile. La donna lascia il marito e due figli.

Si tratta di Giovanna Gentile, maestra, della scuola di Aquino, che fa parte dell’ICS Guglielmo II.

La donna, secondo le prime notizie, è morta a soli 52 anni dopo un grave malore, lasciando un profondo vuote e sconforto.

Dolore a Monreale per la morte di una maestra di scuola elementare.

“La comunità educativa monrealese è straziata dal dolore per la scomparsa della cara maestra Giovanna Gentile, appassionata del suo lavoro e di grande sensibilità”, dice la dirigente

(Diretta Sicilia )

La notizia riportata su altri media

Maestra vittima di revenge porn nel Torinese: tre condanne dopo il processo. Il Tribunale di Torino ha condannato la direttrice della scuola a un anno e un mese di reclusione con la condizionale e una delle mamme, accusata di aver contribuito a far circolare le immagini, a dodici mesi. (Virgilio Notizie)

Revenge porn, direttrice d'asilo licenziò maestra vittima della gogna online: condannata di Sarah Martinenghi 19 Febbraio 2021 di Sarah Martinenghi. Come giudica questa sentenza? E neanche un filo di trucco come a sottolineare ancora una volta la sua semplicità e mostrare al mondo la sua faccia pulita. (La Repubblica)

Ma l’ex non era stato il solo a divulgarle: a contribuire alla loro divulgazione era stata anche la moglie di un amico dell’ex compagno della maestra, nonché mamma di una delle alunne della maestra. "Siamo tutti cattivi in una storia raccontata male", ha commentato la preside per tentare di giustificarsi. (Quotidianpost.it)

Maestra licenziata per le foto hot rubate: condannate la direttrice e una mamma. La giovane sarà risarcita

Su Repubblica Torino un’intervista alla preside condannata per aver licenziato la maestra vittima del revenge porn, a Torino. Anche perché se avessi voluto licenziarla l’avrei fatto subito, alle otto, quel mattino stesso (IlNapolista)

«Il danno non si cancella». L’insegnante si è costituita parte civile ottenendo anche un risarcimento e delle somme di denaro a titolo di provvisionale. La maestra sarebbe stata costretta a firmare una lettera di dimissioni. (Open)

La dirigente scolastica era accusata di violenza privata e diffamazione, la mamma di tentata violenza privata e violazione del codice sulla privacy. A quel punto, secondo il suo racconto, proprio questa mamma l'aveva affrontata dicendole di aver visto quelle immagini e consigliandole di non denunciare, altrimenti avrebbe avvisato la direttrice dell'istituto. (Corriere Adriatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr