Caccia ai ladri del reddito di cittadinanza, scattano le revoche

Caccia ai ladri del reddito di cittadinanza, scattano le revoche
TrevisoToday INTERNO

Indagine dei carabinieri del comando provinciale e dell'Inps. A Nervesa un cittadino aveva "dimenticato" di riferire la rioccupazione e ha incassato 10mila euro che ora dovrà rendere. Nove casi a Pederobba

(TrevisoToday)

Ne parlano anche altri giornali

Un toccasana soprattutto in questi tempi di Covid quando anche le attività in nero, non osservate, stanno avendo una brusca battuta d’arresto. Allargando lo sguardo si scopre che nel capoluogo campano il fenomeno risulta essere doppio rispetto a Roma e quattro volte superiore a Milano. (Il Sussidiario.net)

Chi invece presenterà la domanda all'Inps entro il 31 maggio, potrà avere la prima ricarica a partire dal 15 giugno. Il sussidio viene erogato da Poste Italiane tramite la Card del Reddito di Cittadinanza (Giornale di Sicilia)

A Nervesa della Battaglia è stato revocato il Rdc nei confronti di un cittadino che aveva omesso di dichiarare la rioccupazione di un familiare, percependo così quasi 10 mila euro non dovuti. E' quanto hanno scoperto i carabinieri del Comando provinciale di Treviso, in collaborazione con l'Inps, durante una serie di accertamenti mirati a carico di nuclei familiari residenti nelle aree di Nervesa della Battaglia, Vedelago e Pederobba (La Tribuna di Treviso)

Mafiosi col reddito di cittadinanza: denunciati furbetti nel salernitano

– Non si hanno ancora notizie ufficiali su un eventuale anticipo pensionistico per le pensioni di giugno, da versare a fine maggio Con un Isee compreso fra 7mila e 40mila euro la famiglia riceverà 120 euro per il primo figlio, o 144 euro dal secondo figlio in poi. (Salernonotizie.it)

Diversamente, chi ha provveduto a dare l’informazione corretta riceve un contributo ridotto, ricalcolato sulla base dei soli componenti immuni da simili condanne. Si tratta di esponenti di noti clan camorristici residenti nei comuni di Salerno, Pagani, Angri, Cava de’ Tirreni e Sant’Egidio del Monte Albino. (StileTV)

D’intesa con l’INPS, sono state già avviate le procedure per la revoca immediata del sussidio ed il recupero delle somme illecitamente intascate Diversamente, chi ha provveduto a dare l’informazione corretta riceve un contributo ridotto, ricalcolato sulla base dei soli componenti immuni da simili condanne. (Info Cilento)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr