F1: Ferrari e Leclerc dominano libere in Spagna, si rivede la Mercedes

LaPresse SPORT

“Speriamo che l’aggiornamento sia buono e abbastanza per essere di nuovo davanti alla Red Bull”, ha detto Leclerc in conferenza stampa.

Juri Vips ha sostituito Perez sulla Red Bull, mentre Nyck de Vries ha guidato la Williams di Alex Albon

Quinto Verstappen. Dominio Ferrari nella prima giornata di prove libere del Gran Premio di Spagna di F1, sul circuito di Barcellona.

Quinto il campione in carica Max Verstappen sulla Red Bull, a 0.336 da Leclerc. (LaPresse)

Su altri media

Capolavoro di Charles Leclerc nelle qualifiche del GP di Spagna, chiuse con una pole incredibile che permetterà alla Ferrari di partire davanti a tutti anche in questa sesta gara del Mondiale. così la q2 — In Q2 miglior tempo di Verstappen davanti alla Ferrari di Sainz e alle Mercedes di Russell e Hamilton. (La Gazzetta dello Sport)

Non la migliore delle sue tredici pole position a detta dello stesso Leclerc, ma quella di Barcellona occuperà sicuramente un posto speciale nella personale classifica del monegasco. In Spagna Ferrari si conferma essere il punto di riferimento sul giro secco. (FormulaPassion.it)

E' difficile fare previsioni ora", ribatte Verstappen, che aveva "provato a fare un tentativo alla fine, ma non riuscivo più a spingere. Sono in una posizione molto buona per la gara, ma abbiamo faticato con le gomme rispetto alla Red Bull negli ultimi due Gp. (La Provincia di Cremona e Crema)

Grazie a questo risultato, limitatamente alla storia del team di Maranello, Leclerc ha eguagliato una leggenda come il milanese Alberto Ascari, campione del mondo con la Rossa nel 1952 e nel 1953. Nello specifico, i primi a fermarsi a quota 13 furono Graham Hill e Jack Brabham, entrambi protagonisti tra la fine degli anni ’50 e la metà del decennio successivo con un complessivo di cinque titoli iridati conquistati. (FormulaPassion.it)

Certo, avrei voluto fare l’ultimo tentativo Peccato, ma partire dalla prima fila è comunque un buon risultato. (Sky Sport)

Un parallelismo perfetto, anche nei risvolti importanti in ottica classifica iridata, che fa guardare con particolare attenzione all’approccio di curva-1 dopo lo start. 12 mesi fa infatti Verstappen aveva rischiato l’incidente con Lewis Hamilton per riuscire ad uscire al comando dal primo destra-sinistra. (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr