Usa, attacco a Buttigieg: “Non siamo pronti per un presidente gay”. Trump: “Io lo voterei”

Usa, attacco a Buttigieg: “Non siamo pronti per un presidente gay”. Trump: “Io lo voterei”
La Stampa La Stampa (Esteri)

L'ex vice presidente Joe Biden, rivale di Buttigieg nella sfida per nomination democratica, ha difeso il collega del partito.

«Io e Pete siamo competitor - ha detto Biden - ma è una persona d'onore, ha coraggio ed è incredibilmente intelligente».

La notizia riportata su altri media

Il primo a difendere Buttigieg è stato Joe Biden, suo rivale nella corsa alla Casa Bianca. Il primo a sferrare un attacco pubblico è stato Rush Limbaugh, controverso conduttore radiofonico conservatore. (Sky Tg24 )

Barr ha anche detto di essere “naturalmente” consapevole che le sue parole potrebbero non piacere al presidente, ma anche il partito repubblicano è preoccupato delle continue interferenze di Trump nelle questioni giudiziarie. (L'HuffPost)

E anche un funzionario del governo ha ammesso che il muro rientrava in un progetto di “abbellimento e pulizia”. “Mi è stato ordinato di costruire un muro il più presto possibile, oltre 150 muratori stanno lavorando 24 ore su 24 per completarlo”, ha detto l’appaltatore, parlando in forma anonima a Reuters (Il Fatto Quotidiano)

Le sue dichiarazioni sono arrivate non a caso dopo giorni di furore politico a Washington scatenati proprio dall’intrusione del procuratore Barr nel caso di Roger Stone. (Business Insider Italia)

Per questo i quattro procuratori federali a cui era stato assegnato il caso avevano proposto una pena severa, da 7 a 9 anni di carcere. Lancia così una campagna contro quelli che lui chiama bad people, accusati di complottare contro la sua rielezione e che lui considera da eliminare. (Il Fatto Quotidiano)

Il tweet del presidente, dice, "mi impediscono di garantire ai tribunali e ai procuratori del mio ministero che stiamo facendo il nostro lavoro con rigore". Ma il ministro di Giustizia attacca molto esplicitamente chi lo ha nominato. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti