Covid, perché Omicron ora contagia anche i bambini, con la stessa velocità degli adulti

Covid, perché Omicron ora contagia anche i bambini, con la stessa velocità degli adulti
la Repubblica SALUTE

Capacità che ora non è sufficiente a fermare l'ultima variante

Covid, perché Omicron ora contagia anche i bambini, con la stessa velocità degli adulti di Elena Dusi. Studio degli scienziati australiani su Plos: fino alla Delta il coronavirus nei più piccoli veniva bloccato nel naso, capace di reagire con una risposta immunitaria molto forte.

(la Repubblica)

Su altri media

A suggerirlo sono i risultati di uno studio australiano, secondo cui l'epitelio nasale dei più piccoli inibisce l'infezione e la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2 e della variante Delta, ma non della variante Omicron. (Sky Tg24 )

(Adnkronos Salute) - Non è una leggenda che i bimbi sembrano resistere meglio agli attacchi dei virus respiratori. "Abbiamo utilizzato - aggiunge Short - cellule epiteliali nasali di bambini e adulti per dimostrare che il ceppo ancestrale e Delta, ma non Omicron, si replicano in modo meno efficiente nelle cellule pediatriche" (Today.it)

L'OLFATTO - I problemi di olfatto possono prevedere «problemi di memoria per chi ha avuto il Covid», si legge in uno studio argentino All'inizio della pandemia, i nasi dei bambini erano stati meno “accoglienti” nei confronti del virus rispetto ai nasi degli adulti. (ilmattino.it)

Il naso difende bimbi dal Covid,ma meno efficace con omicron

Il naso dei bambini riesce a contrastare meglio Covid-19 rispetto a quello degli adulti, ma non se si tratta di Omicron. Dopo aver prelevato i campioni, hanno esposto le cellule di adulti e bambini a Sars-CoV-2 e quindi hanno osservato la 'cinetica' dell'infezione e le risposte antivirali nei bambini rispetto agli adulti. (la Repubblica)

I nasi dei bambini si difendono meno bene da Omicron: questa variante potrebbe essere più “efficiente” nell'infettare i bambini attraverso il naso rispetto alle versioni precedenti del Covid. Ecco cos'è. (ilmattino.it)

I risultati hanno mostrato che la variante Delta del virus si replicava in modo meno efficiente nelle cellule nasali dei bambini. Il team di ricerca dell'Università del Queensland, in Australia, ha esposto a Sars-CoV-2 i campioni di cellule del rivestimento (epitelio) nasale di 23 bambini sani e 15 adulti sani. (Alto Adige)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr