Lucio Malan lascia Forza Italia per approdare in Fratelli d'Italia

Lucio Malan lascia Forza Italia per approdare in Fratelli d'Italia
Per saperne di più:
Vita Diocesana Pinerolese INTERNO

Malan si spende a 360° sul tema della libertà a livello nazionale e internazionale come sul caso di Bibbiano».

La famiglia si difende su queste cose importanti e su certi valori» ha spiegato Malan.

Con la sua decisione, Malan lascia il ruolo di vice-presidente vicario dei senatori forzisti, mantenendo i ruoli di presidente del gruppo parlamentare di amicizia Italia-Israele nonché dell’inter-gruppo di amicizia Italia-Taiwan

«Io non mi sento più di sostenere con i miei voti questo governo. (Vita Diocesana Pinerolese)

Se ne è parlato anche su altre testate

Sicuramente nel centrodestra ci sono molte cose da chiarire. Da Fratelli d’Italia avevano avvertito nei giorni scorsi: «In tanti nel centrodestra ormai guardano a noi. Nessuno ha lavorato in questi anni come FdI per l’unità della coalizione ma per fare le cose bene serve lealtà e rispetto reciproco». (Corriere della Sera)

Malan ricopriva la carica di vicecapogruppo dei senatori di FI ed era il coordinatore del dipartimento Italiani nel mondo di Forza Italia. L’adesione a Fratelli d’Italia e’ naturale perche’ e’ nata proprio in questa ottica, dell’essere coerenti. (Italia chiama Italia)

Non saprei dirle – nemmeno per sentito dire - di cosa si possa essere parlato in quei fantomatici contatti». Emanuele Bolla, assessore al Turismo e alle Manifestazioni, personaggio di punta di FdI ad Alba, ci tiene a ribadire che “nessuna iniziativa di campagna acquisti nei confronti di consiglieri comunali di altri gruppi è stata condotta da esponenti locali del partito”. (TargatoCn.it)

L’onda dei fuoriusciti che spaventa FI: chi lascia e chi ora guarda alla Meloni

Come Malan appunto, nome importante di Forza Italia, con Berlusconi dal’96 dopo un passato in Lega, con la quale fu eletto per la prima volta in Parlamento. Non avrebbe avuto problemi a essere rieletto ma ha deciso di far prevalere la coerenza delle sue convinzioni. (Corriere della Sera)

Ora la palla passa a Salvini e Berlusconi, che sanno – adesso anche pubblicamente – di avere un nodo da sciogliere al più presto. Anche se molto dipenderà da quanto in questi mesi la matassa della coalizione si sia ingarbugliata (LaPresse)

«Senza Berlusconi al comando, Forza Italia si dissolverà. Elio Vito quotidianamente denuncia l’appiattimento di Forza Italia sugli «alleati sovranisti», mentre Renato Schifani ostenta un silenzio pesantissimo da settimane. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr