Morto di Covid il papà della bomba atomica in Pakistan: Abdul Qadeer Khan un eroe nazionale anche dopo il tradimento con Corea del Nord e Libia

Il Messaggero ESTERI

Ma all'inizio degli anni 2000 Islamabad diventò uno degli alleati strategici degli Stati Uniti nella Guerra al Terrore lanciata da George W. Bush.

Perdono che naturalmente gli fu accordato, anche se l'anziano fisico, divenuto capro espiatorio, restò agli arresti domiciliari fino al 2009

E per togliere dall'imbarazzo il governo di Pervez Musharraf nel febbraio 2004 si arrivò al pubblico mea culpa dell'eroe nazionale A. (Il Messaggero)

Su altri media

Di recente aveva contratto il Covid e da ultimo era stato trasferito in ospedale per problemi polmonari Il 5 febbraio 2004, l'allora presidente pakistano, il generale Pervez Musharraf, lo aveva perdonato. (AGI - Agenzia Italia)

Islamabad aveva venduto tecnologia per armi nucleari alla Corea del Nord in cambio dei suoi missili No-Dong in grado di trasportare testate nucleari In Paksitan era considerato una specie di eroe nazionale, Abdul Qadeer Khan: l'uomo che ha dato al Paese la bomba atomica è morto all'età di 85 anni dopo essere stato ricoverato per Covid. (La Repubblica)

Nonostante la sua storia, comunque, in Pakistan è considerato ancora oggi una specie di eroe nazionale, a cui sono state intitolate scuole, ospedali e istituti di ricerca. Khan arrivò in Pakistan nel 1976: aveva con sé due progetti per costruire centrifughe per arricchire l’uranio, processo fondamentale per la costruzione dell’arma nucleare. (Roccarainola.net)

ll presidente del Pakistan, Arif Alvi, ha dichiarato in un tweet di essere "profondamente rattristato nell'apprendere della morte del dottor Abdul Qadeer Khan", che conosceva personalmente dal 1982 Khan è morto nell'ospedale KRL di Islamabad (Notizie - MSN Italia)

Divenuto direttore della ricerca sulla fissione nucleare nel progetto, Khan si vantò di non aver mai contribuito a progettare gli ordigni. I tre imputati erano accusati di aver collaborato tra il 1998 e il 2003 con Abdul Qadeer Khan e di essere implicati in un traffico verso la Libia di elementi destinati alla fabbricazione di centrifughe a gas per ottenere uranio arricchito (tvsvizzera.it)

Poi è stato però nuovamente ricoverato a seguito del peggioramento delle sue condizioni. E’ morto Abdul Qadeer Khan, ‘padre’ della bomba atomica pakistana, aveva 85 anni: si era ammalato di Covid. (QuotidianPost.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr