Cartelle esattoriali, il piano del Tesoro sul fisco: debiti cancellati dopo 5 anni

ilmessaggero.it ECONOMIA

LO SCOPO. Per questa ragione si pensa, appunto, ad imporre all’agente della riscossione un termine preciso: 5 anni

Ci sono 160 milioni di cartelle ancora in ballo e l’80% si riferisce al periodo 2000-2015.

Norme alla mano, I crediti affidati nell’anno 2000, quindi 20 anni fa, saranno definitivamente rendicontati e cancellati solamente tra 22 anni.

Cinque anni per riscuotere e poi basta: se il fisco non sarà stato in grado di farsi pagare, nel giro di 60 mesi, le cartelle esattoriali finiranno al macero. (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altri media

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, tra le ipotesi in cantiere torna quella di disporre che le cartelle non riscosse siano cancellate dopo 5 anni, automaticamente e per tutti. (Money.it)

Sul fronte delle entrate tributarie intanto il ministero di Via XX Settembre rende noto che nel periodo gennaio-aprile 2021, le entrate ammontano a 133.8 miliardi, segnando un balzo di 10,08 miliardi (+ 8,2%) rispetto allo stesso periodo del 2020 Non a caso è previsto un provvedimento ad hoc, elaborato dal ministero dell’Economia e dall’Agenzia delle Entrate, che entro il mese di agosto verrà illustrato dal ministro Daniele Franco in Parlamento. (Corriere della Sera)

– Ridurre a cinque anni la prescrizione dei crediti iscritti a ruolo. Infine nel riavviare a fine giugno la macchina delle cartelle, sospese dal marzo 2020 a causa della pandemia da Covid 19, si pensa di prevedere un meccanismo di ripresa dei pagamenti soft, con allungamento delle rateizzazioni soprattutto per non far perdere tale diritto a chi la rateizzazione aveva chiesto (Livesicilia.it)

112/1999) che prevedevano un discarico delle cartelle non riscosse dopo appena tre anni Fisco, l'ultima rapina: Imu, dovrà pagare anche chi non ha più una casa, ecco chi viene stangato. CREDITI INESIGIBILI. (LiberoQuotidiano.it)

Praticamente dopo 5 anni le cartelle esattoriali che l'Agenzia delle entrate verrebbero cancellate in automatico oppure "restituite al titolare". L'Ires ha evidenziato un gettito pari a 1.439 milioni di euro (+ 206 milioni di euro, +16,7 %). (IL GIORNO)

Restringere a cinque anni la prescrizione dei crediti iscritti a ruolo accorciando così i tempi della riscossione per renderla più efficiente. Si tratta delle ipotesi che girano sulle scrivanie di chi lavora alla riforma del Fisco e alla riforma della Riscossione. (Il Caudino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr