Scuola, il registro elettronico Axios sotto attacco hacker: chiesto un riscatto in bit-coin

Scuola, il registro elettronico Axios sotto attacco hacker: chiesto un riscatto in bit-coin
Corriere della Sera INTERNO

Il registro elettronico, andato fuori uso a causa di un attacco hacker, sarà ripristinato e sarà disponibile con tutti i suoi servizi entro la mattina di domani.

Axios si è così affidata a due società esperte di sicurezza informatica (una delle quali lavora per l’esercito americano) per provare a sbrogliare la matassa.

Disagi informatici nel giorno del rientro a scuola con le lezioni in presenza per circa 5,6 milioni di alunni. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri giornali

Un attacco ransomware ha interrotto la produzione di due fabbriche in Italia, dice Kaspersky: la società di cybersicurezza non ha rivelato quali, ma ha precisato che appartengono a una società tedesca. (HelpMeTech)

L’accesso al registro elettronico avviene tramite un utente e una password forniti dalla scuola al docente e alle famiglie Inoltre, sempre tramite la piattaforma, possono essere contattati dalla scuola stessa per eventuali colloqui. (CorCom)

Nel frattempo, Axios ha predisposto per i dirigenti scolastici la modulistica necessaria a gestire il registro di emergenza, insieme a un video tutorial sul suo utilizzo Per l'azienda, non sono stati sottratti né persi i dati, ma i presidi dovrebbero annotare l'evento nel registro dei data breach. (Computerworld Italia)

Scuola, avviso Axios su registri elettronici: ‘Verifiche in corso prima di tornare online’

Sospeso invece il ricevimento parenti, dal momento in cui le prenotazioni avvenivano sul registro elettronico. Sono risultati disservizi al registro elettronico Axios, utilizzato anche dal Vallauri di Fossano, da sabato 3 aprile. (TargatoCn.it)

Disagi informatici nel giorno del rientro a scuola con le lezioni presenza per circa 5,6 milioni di alunni. A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40 per cento delle scuole italiane. (Il Giornale di Vicenza)

Nell’avviso pubblicato ieri alle ore 8 si parlava di ‘rendere disponibili i servizi‘ entro la mattinata di oggi, 8 aprile. (Scuolainforma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr