Giulia De Lellis offende l'Abruzzo? Lei è furiosa

Giulia De Lellis offende l'Abruzzo? Lei è furiosa
SoloDonna CULTURA E SPETTACOLO

Nelle ultime ore è circolata una fake news che ha visto protagonista Giulia De Lellis.

Giulia De Lellis nelle ultime ore ha dovuto affrontare una fake news che è circolata sui social e non solo.

Nonostante questo, Giulia De Lellis ha sottolineato che ha agito per vie legali, per cui cancellarsi da Instagram non sarà sufficiente

Il genio della fake news, se così si può dire.

Giulia De Lellis: indignata su Instagram. (SoloDonna)

Su altre testate

"Da settimane sulle frequenze dei radioamatori sono diffusi messaggi anonimi che diffondono falsità sui vaccini e incitano alla rivolta violenta contro la cosiddetta 'dittatura sanitaria'. Lo scrive Andrea Romano, deputato del Pd, presentando una interrogazione parlamentare al ministro Giorgetti. (IL GIORNO)

L'esecutivo non può guadagnare tempo ricorrendo alle chiusure totali perché mancano le tecnologie che consentono lavoro e socialità a distanza. Eppure, nel 1999, ci saremmo risparmiati tante pericolose fake-news, autentico ostacolo ad una risposta condivisa alla pandemia. (Trentino)

E la Procura ora indaga per omissione di soccorso, come riferisce La Nuova Ferrara”, hanno riportato alcuni quotidiani. Alla fine, un No Vax 68enne di Ferrara è morto. (StrettoWeb)

La medicina a misura di cittadino contro l'epidemia delle fake news: il 22 e 23 ottobre torna SaluTO

Sta per tornare ‘Meet the Docs! Alle 21 sarà il momento di ‘Sieged: The Press vs Denialism’ di Caio Cavechini che racconta il Covid in Brasile. (il Resto del Carlino)

L’uomo è stato ricoverato per oltre un mese ma in ospedale era arrivato, secondo quanto ricostruito, in condizioni abbastanza compromesse“. MeteoWeb. Ci sono grandi nomi di giornali nazionali tra le testate giornalistiche che, solo pochi giorni fa, avevano pubblicato la notizia che riguardava un uomo di Ferrara di 68 anni deceduto per Covid. (MeteoWeb)

“I vaccini contro il Covid sono stati sviluppati troppo in fretta quindi non sono sicuri”. Falso: bisogna solo fare attenzione solo che al momento della donazione il donatore non risulti positivo al virus. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr