Unicredit chiude con utile di 1,5 miliardi e firma accordo internazionale con Allianz

Corriere della Sera ECONOMIA

Unicredit chiude il 2021 con un utile di 1,5 miliardi (era in perdita nel 2020).

“L’unico motivo per cui UniCredit ha mostrato interesse è la vendita della banca russa e la presenza di UniCredit in Russia”

Proposta di distribuzione ordinaria per 3,75 miliardi Le commissioni relative all’intero hanno totalizzato 6,7 miliardi (+12,1%).

Nel quarto trimestre, poi, i costi totali sono rimasti sostanzialmente invariati sia trimestre su trimestre che anno su anno a 2,5 miliardi. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altre testate

/Tony Gentile. MILANO (Reuters) -UniCredit batte la guidance con i risultati del 2021 e conferma l'impegno a una remunerazione "significativa" degli azionisti con la proposta di distribuzione di 3,75 miliardi tra dividendi e buyback. (Investing.com)

L’utile netto sottostante dell’intero anno è stato di 3,9 miliardi superando la guidance di 3,7 miliardi, ricavi totali a 18,0 miliardi e costi per 9,8 miliardi. Tornando all’accordo tra Unicredit e Allianz sono previsti investimenti congiunti (inclusi i settori della formazione e del marketing) finalizzati ad una integrazione ’seamless’ dei processi e ad accelerarne la digitalizzazione. (Startmag Web magazine)

Pur considerando la remunerazione agli azionisti, "il gruppo ha chiuso l'anno con un Cet 1 ratio pro-forma del 14,13%. (Milano Finanza)

La banca aveva invece chiuso il 2020 con un utile netto sottostante di 1,26 miliardi di euro (perdita contabile di 2,79 miliardi di euro). Infine le stime di Credit Suisse, che vedono per l’intero anno un utile netto adjusted di 3,9 miliardi. (Wall Street Italia)

In attesa dei conti del quarto trimestre 2021, gli analisti della banca elvetica ha confermato un rating outperform sul titolo Unicredit, con target price a 15,10 euro Attesa per i conti di Unicredit, prima banca di Piazza Affari a dare in pasto agli investitori i conti del quarto trimestre 2021. (Finanzaonline.com)

Riguardo all'ipotesi Otkritie, il ceo ha spiegato che Unicredit avrebbe conferito la sua banca in Russia diventando azionista di riferimento di una banca più grande Pur considerando la remunerazione agli azionisti, "il gruppo ha chiuso l'anno con un Cet 1 ratio pro-forma del 14,13%. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr