La coppia che ha sparato al bus: "Una sciocchezza, non volevamo fare male a nessuno"

La Repubblica INTERNO

"E poi la mia amica pensava che fosse una pistola ad aria, nel senso che non sparasse, ma facesse solo rumore.

"Non abbiamo mai minacciato nessuno né volevamo fare del male a nessuno.

Si difendono i due accusati di aver esploso un colpo di pistola ad aria compressa contro un pullman della linea 64 domenica mattina, poco prima delle 8.

La pistola, ad aria compressa caricata con pallini di metallo, non aveva il tappo rosso e, agli occhi di un qualsiasi passante, sembrava a tutti gli effetti un'arma vera. (La Repubblica)

Ne parlano anche altri giornali

Dopo qualche vivace scambio di opinioni, l’uomo era salito a bordo dell’auto e si era affiancato al pullman. La newsletter del Corriere Torino Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Torino e del Piemonte iscriviti gratis alla newsletter del Corriere Torino (Corriere della Sera)

Si tratta di un uomo di 36 anni e di una donna di 29 anni residenti in provincia di Asti con alle spalle diversi guai con la giustizia per reati contro il patrimonio (La Stampa)

I carabinieri della stazione Torino Borgo San Secondo e del Nucleo Operativo Torino San Carlo hanno rintracciato la coppia che domenica mattina ha sparato contro un pullman della linea 64 in corso Rosselli a Torino dalla propria auto parcheggiata in seconda fila. (Quotidiano Piemontese)

Era infatti l'arma utilizzata nei giorni scorsi per sparare contro un bus in corso Rosselli, all'altezza della rotonda con corso Duca degli Abruzzi ( l'articolo dei colleghi di TorinOggi). La pistola sequestrata potrebbe essere l’arma utilizzata per sparare contro il bus (LaVoceDiAsti.it)

IN CASA LA PISTOLA AD ARIA COMPRESSA. Le perquisizioni a casa e in macchina hanno permesso di ritrovare e sequestrare una pistola ad aria compressa, con caricatore inserito e priva di tappo rosso, nascosta sotto il cuscino della camera da letto dell’uomo, 1500 pallini in metallo per armi ad aria compressa, una carabina ad aria compressa calibro 4.5 e un mirino ottico di precisione. (Cronaca Qui)

Il presidente Vjosa Osmani ha definito l'attacco "scioccante". (LaPresse) Ieri notte un uomo armato ha aperto il fuoco con un kalashnikov su un autobus che trasportava adolescenti a Gllogjan, in Kosovo, uccidendo tre persone e ferendone una quarta. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr