AGGRESSIONI IN PIAZZA DUOMO SVOLTE SULLE INDAGGINI

AGGRESSIONI IN PIAZZA DUOMO SVOLTE SULLE INDAGGINI
Redazione Quotidiano Giovani INTERNO

I due, italiani di seconda generazione, infatti, non sono stati ritracciati ieri durante le perquisizioni e stavano scappando all'estero avevendo una rete di relazioni utile per mettere in atto il piano di fuga.

Grazie ai filmati sequestrati dalla Procura di Milano sono stati individuati e perquisiti 18 giovani ritenuti presumibilmente gli autori delle violenze e sono stati messi in fermo 2 ragazzi rispettivamente di 21 e 18 anni accusati di aver compiuto "pesanti violenze sessuali quasi complete accompagnate da rapine di cellulari e borsette". (Redazione Quotidiano Giovani)

Ne parlano anche altri media

Non so cosa abbia fatto, ma non può aver fatto davvero ciò di cui lo accusano. Che ha poi spiegato cosa sia accaduto al figlio dopo i fatti di Capodanno: “L’hanno chiamato dalla Questura di Milano. (Newsby)

I due avrebbero avuto dei “contatti all’estero” ed erano in procinto di lasciare l’Italia, per questo i pm hanno emesso il decreto di fermo (laProvinciaOnline.info)

L’acquisizione rientra nelle attività investigative portate. avanti dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Alessia. Menegazzo, che stanno valutando da giorni anche altri casi,. oltre ai tre episodi già emersi con nove vittime in totale. (euronews Italiano)

Molestie sessuali a Milano, gli aggressori sono tutti stranieri o italiani "di seconda generazione"

Sviluppi dell'inchiesta sugli abusi di piazza Duomo a Capodanno. Spuntano i"verbali delle ragazze: "In cinquanta ci hanno aggredite e ci hanno strappato"i vestiti". (Mediaset Play)

Il video è subito diventato virale suo social, e la polizia lo ha subito acquisito per lavorare sulla identificazione. Il primo di probabile origine nordafricana, tra i 15 e i 20 anni circa, con una felpa rossa, che si limitava a strattonare una ragazza. (GameGurus)

Pubblicità Pubblicità. . Tutti e 18 sono stranieri oppure italiani con origini nordafricane Ad essere identificati come coinvolti nei terribili atti ai danni delle due ragazze in Lombardia sarebbero stati 15 maggiorenni e tre minorenni. (la VOCE del TRENTINO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr